Lunedì , 10 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Cosa bolle in culdera
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Salviamo le latterie di paese! Salviamo il formaggio “Latteria”! 
Un marchio ONAF/SO alla tipicità di questo formaggio?
17 Maggio 2009
 

Questo giornale entra nel suo ventesimo anno di vita, grazie soprattutto alla testardaggine del suo direttore. Se fosse stato per me l’avrei già chiuso da un pezzo… Spesso ripeto che qualsiasi attività, se non sta in piedi economicamente, non sta in piedi neanche politicamente. È un’analisi un po’ impietosa ma, qualsiasi latteria, anche se fa il formaggio più buono del mondo, non sta in piedi se i conti non tornano. Ed a ogni Assemblea, ad ogni bilancio, mi astengo e… così il Gaz resiste anno dopo anno (per chi non avesse capito, sono spesso messo in minoranza…).

Iniziai a scrivere sui formaggi agli albori dell’avventura, quando il direttore, oltre a correggermi gli errori, mi correggeva anche il testo… e io mi incazzavo come una belva, anche perché lo faceva a fin di bene. Infatti, quando andavo in edicola a comperarlo, mi meravigliavo che scrivessi così bene… Alcuni anni fa, l’Anto' Ruffini, una delle prime redattrici di Centofiori –allora si chiamava così il Gaz–, mi disse (e avevo già la tessera di pubblicista da qualche anno) che avevo imparato anche a scrivere bene gli SMS… Sic!

Questo personalissimo excursus, perché, se dovessi andare a rugare nelle raccolte annuali del Gaz, troverei sicuramente questo argomento col medesimo titolo. Una “Caporetto” economica e culturale: i grossi caseifici hanno sbaragliato le latterie di paese. Fu una ingiusta scelta allora e a quelli della mia generazione farebbe oltremodo piacere che in ogni paese della provincia ci fosse ancora una latteria. Sicuramente ne sarebbero entusiasti gli Onafisti locali. I grossi caseifici si sono inventati il Valtellina Casera, formaggio D.O.P, che va in tutto il mondo oramai, o quantomeno in tutti i supermercati. Un semigrasso, parente stretto del Latteria, ma a latte pastorizzato. Ecco una differenza col Latteria: quest’ultimo è a latte crudo. E l’Onaf privilegia questo tipo di produzioni. I Formaggi che sono legati al territorio, all’ambiente, alla tradizione socio-economica.

Il “pesalatte” dell’APA/SO, dott. Massimo Timini, che una volta al mese viene nella mia latteria a prelevare i campioni di latte dei conferenti per le relative analisi microbiologiche mi ha “messo giù” l’elenco delle latterie ancora funzionanti in ValValtellina (che sta per Valchiavenna e Valtellina): ventitré in tutto. E pensare che solo una ventina di anni fa, ve ne erano ancora 5 a Cosio Valtellino, 4 a Traona, 4 a Samolaco, 4 a Morbegno e così via. Mi sono chiesto dunque se non fosse possibile inventare qualche forma di tutela per questo storico formaggio.

Ed ecco l’idea di proporre all’ONAF/SO di difendere questa tipica produzione, imprimendo sulle forme fatte in queste latterie, un “marchio” Onaf/SO. Sulla falsariga del disciplinare del Valtellina Casera, con alcune variazione pesanti da discutere e definire bene, potremmo chiedere alle latterie che lo vogliono (speriamo tutte) di far valutare da un esperto Onaf/SO le forme lavorate ogni mese, in modo che in base al nuovo disciplinare del “Latteria”, possano fregiarsi di questo marchio. Forse a livello tecnico organizzativo la cosa appare un po’ complessa, ma di cominciare a discuterne sarebbe ora, se non vogliamo definitivamente trasformare in case di abitazione le vecchie latterie di paese. Io ho ristrutturato la vecchia Latteria della Valletta di Traona, chiusa nel 1988 e vi ci abito da più di dieci anni. L’è stàa comunque mei ‘nscì, che lagàla ‘ndà a deròch, almenu. U no?!


 

Elenco Latterie funzionanti

in Valchiavenna e Valtellina


LIVIGNO

BORMIO

SAN NICOLÒ VALFURVA

MADONNA DEI MONTI

MAZZO IN VALTELLINA

GROSIO

RAVOLEDO DI GROSIO

TRIANGIA

PIATTA DI CASTIONE ANDEVENNO

BERBENNO

SIRTA

COSEGGIO DI TALAMONA

VALENTI DI TALAMONA

BOTTÀ DI MORBEGNO

MORBEGNO CENTRO

ALBAREDO

RUSCAINE A REGOLEDO DI COSIO

VALLONE A TRAONA

PIAGNO

DUBINO

VERCEIA

SAN PIETRO SAMOLACO

GORDONA


Alfredo Mazzoni

(da 'l Gazetin, aprile 2009)

 


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy