Mercoledì , 20 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Cosa bolle in culdera
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Agriturismi: semplificazione e snellimento burocratico 
Interrogazione ai ministri competenti
24 Settembre 2007
 

Con la legge 96 del 2006 è stata disciplinata l'attività di agriturismo con procedure semplici tali da consentire l'immediato avvio dell'attività a cui far seguire i controlli, e in caso la sospensione. Il decreto ministeriale 26 marzo 1991 del ministero della Salute che detta i requisiti igienico-sanitari di cui le strutture destinate ad attività agrituristiche devono essere dotate, tra l'altro prevede per garantire la potabilità dell'acqua tempi di almeno un anno dei campioni da far esaminare.

Risulta evidente che questo decreto di fatto inficia gli obiettivi della legge 96/2006, come rilevato anche dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato nella segnalazione As408 del 19 luglio 2007.

L'Autorità scrive che «tali disposizioni, in ragione dei tempi particolarmente lunghi previsti per l'espletamento dei campionamenti svolti dalla ASL territorialmente competente per il rilascio del “giudizio di qualità” necessario all'utilizzo dell'acqua da parte delle imprese a scopo potabile, possono costituire un ostacolo eccessivo e sproporzionato rispetto all'esercizio dell'attività di impresa e in palese contrasto con l'obiettivo di semplificazione e snellimento burocratico che ha ispirato il legislatore negli ultimi interventi normativi tesi ad agevolare l'avvio di attivita' produttive e commerciali e a promuovere la concorrenza».

L'Antitrust suggerisce la possibilità del «rilascio di un giudizio di qualità “provvisorio” da parte della Asl territorialmente competente a seguito dell'esito positivo di un primo controllo sulla qualità delle acque, in modo da consentire l'inizio dello svolgimento dell'attività di impresa, prevedendo verifiche periodiche successive che consentano di monitorare lo stato di potabilità delle acque».

Insieme ai deputati Beltrandi, Buglio, D'Elia, Mellano e Turco della Rosa nel Pugno, ho presentato un'interrogazione ai ministri per lo Sviluppo Economico, della Salute, delle Politiche agricole, alimentari e forestali per chiedere se siano già stati presi provvedimenti nel senso indicato dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato, e comunque utili a rendere effettive le previsioni della legge 96/2006.

 

Donatella Poretti

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy