Giovedì , 15 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Opg Montelupo. In attesa della chiusura...
24 Novembre 2012
 

La senatrice dei Radicali Donatella Poretti e il Dr Cesare Bondioli, Responsabile carceri e opg di Psichiatria Democratica hanno effettuato una visita all'Opg di Montelupo Fiorentino. Nelle more della chiusura di queste strutture -che per legge è prevista per il prossimo marzo- abbiamo potuto constatare che finalmente dopo un anno dalla fine dei lavori, e dopo una serie di problemi burocratici e pratici la consegna all'uso dei locali è stata data lo scorso 13 settembre, ora le nuove celle sono agibili e occupate dagli internati.

Stamani erano presenti 105 internati (15 piano terra -Pesa-, 46 al primo piano e 44 al secondo).

Il primo e secondo piano sono così tornati alla loro origine per metà vecchie (del 2007) e per metà nuove (primo piano aperto il 30 ottobre e il secondo sabato scorso).

Le nuove celle (con soffitti a cassettone e simil cotto al pavimento) e i nuovi spazi comuni sono una buona notizia e una realtà dignitosa contro il degrado della parte più vecchia che, se al piano terra ha infiltrazioni di acqua e muffa, anche nei piani a salire mostra tutta la necessità di interventi di ripulitura.

Purtroppo la carenza dei fondi per il mantenimento e la gestione ordinaria è alla base di una sporcizia e del conseguente degrado delle celle vecchie, ma già inizia ad apparire anche in quelle nuove. Le pulizie sono (non) fatte dagli internati... Va inoltre sottolineato che gli arredi sono rimasti quelli recuperati dalle vecchie celle e sono totalmente inadeguati e in pessime condizioni, il che aggrava il senso di degrado complessivo della struttura che nemmeno il recente restauro riesce a nascondere. Una sala colloqui nuova è pronta dall'estate ma senza l'autorizzazione delle opere pubbliche non può aprire, e altre problematiche minori si sono rilevate, ma la contraddizione del luogo di detenzione per persone che hanno bisogno di cure sanitarie è sempre più evidente.

La struttura ormai ha assunto sempre più l'aspetto di un carcere a media sicurezza, dagli spazi esterni per l'aria ai blindati delle celle e dei sistemi di vigilanza. Una struttura in attesa di essere svuotata dagli internati che devono per lo più essere riassorbiti nei progetti dei loro territori con comunità o altre nuove strutture che la legge sta individuando.

Da quanto sottolineato dagli operatori sanitari, in particolare, si è colto il disagio per la mancanza di iniziative concrete per la dimissione degli internati il 25% circa dei quali si trova in regime di proroga della misura di sicurezza (in qualche caso la proroga è stata rinnovata ripetutamente, anche per 23 volte!); in particolare il regime di proroga è particolarmente grave tra gli internati provenienti dalla Sardegna (11 proroghe su 28 internati) ma anche per le altre Regioni del bacino: per la Toscana (7 su 45), per la Liguria (7 su 20) e l’Umbria (2 su 7 internati di cui uno con 23 proroghe).

Occorre quindi che i programmi di dimissione ricevano un nuovo impulso e che le Regioni competenti, attraverso i loro Dipartimenti di Salute Mentale, formulino i progetti terapeutico-riabilitativi in favore dei loro internati con date certe per la loro realizzazione.

Occorre altresì che le Regioni, che hanno richiesto il finanziamento per la realizzazione delle strutture sanitarie alternative all’opg, tanto più ora che è stato emanato il Regolamento con le loro caratteristiche strutturali, passino alla realizzazione delle strutture per cui hanno richiesto il finanziamento.

Il rischio che, in assenza di un effettivo governo della fase di transizione, gli opg rimangano in funzione in attesa di una proroga (da tutti oramai data per scontata) dei termini per la loro chiusura va scongiurato e che ci si accontenti delle piccole migliorie senza dare seguito alla riforma. Ad un migliaio di internati in tutta Italia sono negati ancora oggi il diritto alla salute e alla dignità umana. Un problema numericamente piccolo, che ha la legge e i fondi economici per la sua soluzione, e a cui va “solo” data applicazione.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  La chiusura degli Opg si allontana, inesorabilmente, senza responsabili
  Opg. Dismissioni o ristrutturazioni delle strutture?
  Opg Montelupo: prorogato il rischio per l'antincendio
  Chiusura Opg. Se non ora quando?
  Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Montelupo Fiorentino
  Domenica/ Matteo Moca. Tarocchi e sogni, Calvino e Sebald, Opg e la storia di Fred Perry
  Ospedali psichiatrici giudiziari. "Si avvii indagine conoscitiva!"
  Ospedali psichiatrici giudiziari: il carcere nuoce gravemente alla salute
  Valter Vecellio. Ancora un tentato suicidio in carcere. Il flop del vaccino virus A/H1N1
  Opg Montelupo: la follia è del sistema
  Presentazione del libro “Matti in libertà”
  Opg Montelupo. Mancanza delle cure sanitarie: la responsabilità della Regione Toscana
  OPG Montelupo: prima mancava l'acqua calda, ora quella fredda!
  Opg Montelupo. Il Dap controlla se stesso sulla sicurezza della struttura?
  Opg. Una poesia per dire addio ai manicomi criminali e all'abbandono che hanno vissuto gli internati
  OPG Montelupo: il sovraffollamento cronico, nonostante tutto
  Donatella Poretti. Telegrammi con richieste di aiuto: la situazione è intollerabile
  Manicomi civili chiusi, quelli criminali ancora aperti
  L'urgenza di predisporre l'“evacuazione” degli Opg
  I difetti dell'unghia del dito che indica la luna...
  Opg Montelupo: 10 morti in 10 anni, chiarire anche per il futuro
  Barbarah Guglielmana. AIUTATECI
  Opg: “l'estremo orrore dei residui manicomiali”
  Madri assassine. Alberto Figliolia intervista Adriana Pannitteri
  Ospedale psichiatrico giudiziario Montelupo Fiorentino. Visita e conferme della situazione schizofrenica
  Ospedali psichiatrici giudiziari: dalla fiducia al Governo la soluzione?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy