Lunedì , 16 Luglio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Decreto Sanità: Per Radicali Medicina sul territorio, LEA e Nomenclatore tariffario i principali limiti 
E sarebbe stato necessario maggiore coraggio per porre fine alla spartizione partitocratica delle nomine
31 Ottobre 2012
 

Il dibattito prima in commissione Sanità, quindi in aula, si è spostato dal merito del provvedimento alle modalità di approvazione e alla conseguente ratifica da parte del Senato dell'introduzione - per prassi consolidata - del “monocameralismo alternato”. Ormai tutti i provvedimenti del Governo sono decreti che alternativamente iniziano il loro iter in un ramo parlamentare e solo in quello si possono discutere e in parte modificare. All'altro ramo parlamentare spetta la mera ratifica. In questo caso per il decreto sulla Sanità, si può solo prendere atto delle decisioni prese dal Governo e dalla Camera dei Deputati.

Una amputazione della Costituzione, una violazione della legge scritta, con la colpevole consapevolezza che stiamo celebrando un rito vuoto.

È un decreto destinato ad incidere poco sul sistema sanitario, un decreto debole. Il riassetto della medicina generale sul territorio, da anni sostenuto da noi Radicali, rischia di restare solo sulla carta perché la normativa proposta si riduce ad una enunciazione e ad un invito alle Regioni. Per renderlo operativo occorrevano risorse economiche rilevanti in favore della medicina sul territorio, premi e penalità per le Regioni, tempi certi di attuazione.

La parte riguardante le nomine dei Direttori Generali e i Primari, introduce una maggiore trasparenza, ma sarebbe stato necessario maggiore coraggio per porre fine alla spartizione partitocratica delle nomine. Inutile ricordare che la sanità è tra i settori in cui la corruzione trova terreno fertile per prosperare.

Sia per i Lea (tra cui l'annosa e condivisa questione dell'epidurale e del parto senza dolore) che per l'aggiornamento del nomenclatore (quindi della lista degli ausili sanitari a disposizione dei malati) si rimanda nel primo caso alla fine dell'anno e quel che è peggio nel secondo caso “pilatescamente” a maggio prossimo, ossia, alla prossima legislatura, al prossimo Governo.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  M.A. Farina Coscioni. Per l’aggiornamento del Nomenclatore degli ausili e delle protesi e dei nuovi livelli essenziali di assistenza (LEA)
  Associazione Coscioni. Via libera dal MEF per LEA e Nomenclatore
  Disabilità. Lorenzin e Renzi rispetteranno il patto di aggiorna­men­to per il 31/12?
  Sanità: “Incontriamoci per affrontare insieme Nomenclatore, legge 40/04, nomine Asl”
  Marco Gentili. C'è il nuovo nomenclatore: ora un ultimo sforzo!
  SLA: “Al prossimo Consiglio dei ministri secchiate per tutti su ricerca e lea”
  Nomenclatore tariffario, Ass. Coscioni si appella a Renzi e Lorenzin
  Obiezione di coscienza alla sperimentazione animale
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  Online il numero di agosto di Agenda Coscioni
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.6%
NO
 23.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy