Domenica , 18 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Scritture & Web
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Stefano Torselli: ll vampiro. L' esorcismo del male da Dracula a Twilight
02 Dicembre 2009
 

Fin dagli albori dei tempi l'uomo ha cercato di esorcizzare il male, di tenerlo lontano e dargli forma fino ad inventare, come mitopoiesi, dei personaggi fantastici che incarnassero il male per il bisogno di avere di fronte un nemico tangibile.

 

Il vampiro è una figura di singolare interesse per le mutazioni che ha subito nel tempo, adattandosi all'evoluzione della società contemporanea. Figure simili ai vampiri si rintracciano nella storia antica. Nel medioevo le relazioni tra la vita e la morte erano esplicitate chiaramente da una teologia largamente condivisa dalla popolazione: per questo, l'epoca medievale sostanzialmente non conosce il vampiro. Questa figura emerge quando il consenso intorno alla teologia cattolica si spezza, e in particolare viene negata l'esistenza del Purgatorio in una parte della teologia ortodossa orientale e nel protestantesimo. Allora i morti cominciano a errare incerti del loro destino, e nasce (o riemerge da un passato pre-cristiano) il vampiro.

 

I primi racconti e studi scientifici sull'esistenza dei vampiri risalgono al 1700: nell'epoca illuminista il vampiro diventa emblema di una cultura che non dubita più solo del Purgatorio, ma della stessa immortalità dell'anima. Sempre nel Settecento si appura che i vampiri non esistono: compromessa la sua esistenza, il vampiro resta solo come immagine letteraria e come metafora che arriva fino ai nostri giorni.

 

I primi vampiri romanzati sono rozzi, brutti e spietatamente cattivi. Polidori trasforma il mostro in una persona, sempre cattivissima, ma almeno presentabile e anche maritabile, aprendo così la strada al mito del Conte Dracula e ad una serie di vampiri umanizzati. Il capolavoro di Bram Stoker raccoglie abilmente la figura del Dracula storico trasfigurandolo in un vampiro dotato delle stesse peculiarità singolari e affascinanti dei suoi predecessori: non appare allo specchio, si trasforma in animale o nebbia, ha forza sovrumana ma al contempo beve sangue umano, teme la croce e dorme in una bara. Il romanzo di Stoker più di ogni altro elabora la figura del vampiro attingendo a piene mani nella psicosi della società in cui viveva l'autore; abbiamo così un affresco della vita vittoriana e della sua morale ed estetica, delle sue paure e anche della sessualità. Baricco ha proposto un paragone interessante tra Don Giovanni e il Dracula di Stoker, rilevando in  sintesi come entrambi questi personaggi inventati rappresentino una sorta di capro espiatorio della società nei confronti di una sessualità repressa.

 

La metamorfosi del vampiro si riscontra ancora di più al cinema. Anche l'ultimo capolavoro del genere, il Dracula di Coppola, è ben diverso dai suoi predecessori perché il vampiro si umanizza sempre di più: addirittura mostra le sue debolezze e trova quasi una giustificazione nel suo agire demoniaco. Dracula infatti, accecato dall'ira e dall'amore per la moglie perduta, compie un sacrilegio che lo costringe al male. Nel corso della storia si innamora e si pone addirittura degli scrupoli a vampirizzare l'amata Mina.

L'ultimo vampiro di successo è il protagonista della saga Twilight di Stephanie Meyer. Il 'mostrum' si trasforma ancora: sopporta benissimo la luce del giorno, beve solo sangue animale, si riflette negli specchi e soprattutto è un bel ragazzo che fa impazzire le adolescenti. Mantiene saggiamente i poteri da supereroe conditi da un passato misterioso che salva in parte l'estetica neogotica.

 

I puristi, gli amanti del victorian style, del classicismo e del rigore cupo dell'horror sono indubbiamente delusi, perché il vampiro è ormai evaporato in un banale eroe da fumetto non più negativo e addirittura socialmente presentabile.

 

Stefano Torselli

 

Per approfondimenti sul tema dei vampiri

vi invitiamo a leggere le seguenti pagine su goticomania.it.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.9%
NO
 26.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy