Martedì , 22 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Voti dannosi
28 Marzo 2008
 

Ho ascoltato qualche sera fa il ministro Di Pietro esporre alcune sue opinioni, dichiarando che non vuol fare il ministro di Grazia e giustizia, bensì mantenere il dicastero delle Infrastrutture. Bene: sono desideri legittimi, ed è onesto da parte sua come esponente della coalizione di Veltroni (che dunque non è vero che corre da solo) dire ciò che ha pattuito col premier designato; intende mantenere lo stesso ministero perché ha in corso molte iniziative e una politica già impostata; intende continuare un'opera iniziata e interrotta dalla caduta del governo Prodi (non è che lui ha dato qualche spinta allora? mi era sembrato, chiedo scusa).

 

Come lo capisco! Anche la Commissione Uranio impoverito ha dovuto superare molte difficoltà interne ed è arrivata a un punto importante e, per una parte, conclusivo del suo iter, e ora bisognerebbe continuare con altra definizione delle tematiche (riducendo e precisando) specialmente sulle popolazioni civili.

Purtroppo -se sarò eletta- non sarò più in Senato, e non potrò continuare l'opera che sarà da consegnare ad altri/e.

 

Tornando a Di Pietro, l'ho sentito dire con grande passione e convinzione che continuerà a fare Tav a gogò perché così si fa il bene del paese, sviluppando le ferrovie e non le autostrade. Ovunque? anche riducendo le Alpi un formaggio gruviera a furia di trafori? anche passando per il Carso? magari facendo una Tav nelle Cinque terre? via!

È un ragionamento sincero, ma a mio parere sbagliato. Non siamo affatto un paese sovrano in fatto di gestione del nostro territorio: abbiamo una politica estera, che può diventare più aggressiva con il “nuovo” concetto di difesa (non più difesa del territorio, bensì degli interessi nazionali ovunque nel mondo -suppongo che De Gregorio glielo avesse detto- anche con strumenti di intervento rapido): sicché si possono identificare gli interessi nazionali coi pozzi di petrolio dell'Eni a Nassyrja. (Ho intenzione di chiedere una commissione parlamentare d'indagine dato che alcuni carabinieri sono disposti a testimoniare, così come sull'uranio in Libano e la sorte dei nostri militari che stanno lì in missione d'interposizione).

Ma anche sulla gestione e destinazione interna del nostro territorio non possiamo decidere del tutto. È il caso di cominciare a tener conto delle nuove multinazionali, che non sono più solo di produzione, bensì anche di commercio. Il WTO decide che tutte le merci debbono sempre stare su strada, in viaggio, e potendo decidere come potere forte (cioè non controllabile) e non trovare resistenza alcuna, ridurrebbe la terra a un deserto percorso da balle di immondizia. Già lo vediamo: l'Italia è considerata un paese nel quale si può mandare qualsiasi cosa, anche pomodori ogm in Campania, mele piene di pesticidi in Sudtirolo, patate immortali in Lombardia e comperare immondizia ben imballata da far viaggiare avanti indietro nel mondo, così la “merce” si valorizza.

E l'emergenza diventa normalità e si riproduce in eterno, alimentando i poteri criminali che fanno commercio di immondizia. Diminuire la produzione di rifiuti comporta un diverso modello di rapporto con la produzione agricola e la riscoperta del disegno di Samir Amin dello “sviluppo autocentrato” fatto di valorizzazione di tutta la produzione locale, diminuzione delle percorrenze delle merci, accordi con i produttori anche con trasporto diretto dai contadini, con riduzione di intermediazioni e di faraonici centri commerciali che distruggono il comodo (anche per le persone anziane) negozio o mercato sotto casa.

Insomma un nostro disegno che non vede l'Italia come un paese distrutto da strade autostrade ferrovie senza regole e che cancellano anche terreni agricoli pregiati, e lasciata fare alcune produzioni di nicchia, come jacht di superlusso, scarpe di Prada; e ogm per i cittadini e le cittadine trasportati in navi carri ferrovie camion con grande spreco irrazionale di imballaggi non riciclabili e non riducibili in compost per l'agricoltura, ma solo in alimento per le varie mafie.

 

Insomma non mi ha convinto, nonostante la passione che credo sincera. Ma occorre anche una informazione generale e la conoscenza di tutte le connessioni, cioè la politica. Invece una gestione separata dei vari ministeri, con decisionismo finale del Capo del governo mostra una propensione pericolosissima verso forme di democrazia autoritaria, alla faccia della proclamata “partecipazione” e “democrazia multilivello”. Il rischio mortale di queste elezioni, cui non fanno ostacolo, anzi lo fomentano e prediligono sia Berlusconi, sia Veltroni, sicché il voto per loro, non solo non è utile ma in verità dannoso.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Hanno ragione Veltroni e Rutelli
  Tutti e nove i candidati radicali nelle liste del PD eletti
  Elezioni 2008. I nomi dei nove Radicali candidati nelle liste del Partito Democratico
  Stasera Emma Bonino a Ballarò
  Elezioni. Territorio al centro delle scelte delle candidature
  Benedetto Della Vedova. Più vicini alle grandi democrazie
  Elezioni 2008. Sulla marginalità delle donne
  Rosangela Pesenti. Pensare in piccolo, agire in tempo...
  Elisabetta Zamparutti. Sulla mia candidatura in Basilicata
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Valter Vecellio. Appunti per una campagna elettorale
  Maria G. Di Rienzo. Elezioni. Prime risposte verso il 2 marzo
  Luciano Canova. Le valigie da preparare
  Marco Pannella sulle candidature radicali nel Pd
  Elezioni. Appello dei radicali per 'aprire' il PD e concorrere alla sua vittoria politico-elettorale
  Valter Vecellio. Unn’è cosa di spartiricci u pani ‘nzemmula
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Michele Boato, Maria G. Di Rienzo, Mao Valpiana. Crisi politica. Discutiamone il 2 marzo a Bologna
  Maria G. Di Rienzo. Una proposta semplice. Come sono le liste che io vorrei
  SÌ e NO della Sinistra
  Maria Antonietta Farina Coscioni. «Per ogni nuova legge, abroghiamone 10!»
  Rita Bernardini e Marco Cappato. Meno efficace di un'alleanza riformatrice, ma accettiamo impostazione per un accordo con il Partito Democratico
  Marco Pannella. Sono d’accordo con base e sviluppi dell’intesa con il Partito Democratico e con Walter Veltroni
  Il Palazzo, Antigone e il programma di sinistra
  Annagloria Del Piano. Quell'Italia che è stata sconfitta
  Valter Vecellio. Il “laikoonte” di Giorgio Forattini, un’email, e gli sms di un amico
  Mao Valpiana. Un vero evento politico
  Radicali: «Sì all'accordo col Partito democratico»
  Mao Valpiana. Il voto è mio e lo gestisco io
  Elezioni Basilicata. Elisabetta Zamparutti: «Cercherò di dare un contributo al rinnovamento della politica lucana»
  “Famiglia Cristiana”. I risultati di un sondaggio sul numero in edicola e attacco all'intesa Pd/Radicali sul prossimo
  Valter Vecellio. L’ordine impartito è: far fuori Pannella e i radicali
  Valter Vecellio. Gli affetti e i concetti
  Marco Pannella. Con Walter senza riserve
  Lidia Menapace. Divagazioni
  Candidati coi controfiocchi. Il caso Andrea Verde nella circoscrizione estera per il “Popolo della Libertà”
  Donne e uomini di Sinistra chiedono al PD di valutare la possibilità di unirsi in coalizione con i Radicali
  Marco Cappato e Rocco Berardo. Lettera aperta a Gavino Angius
  Marco Lombardi. Basta Vincere. Un messaggio socialmente devastante
  UDC. Dalle urne una grande sorpresa
  Valter Vecellio. La difficile scommessa che siamo chiamati a giocare
  Enrico Letta a Sondrio venerdì. Un'intera giornata in provincia
  Emma Bonino. Alcuni punti chiave della nostra posizione e delle nostre proposte
  Benedetto Della Vedova e Peppino Calderisi eletti con il Popolo della Libertà. Gli intenti dei “Riformatori Liberali”
  Valter Vecellio. La penisola che c’è. Don Antonio Sciortino, “Famiglia Cristiana”, le scomuniche
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Matteo Mecacci. Veltroni come Obama? Una falsificazione politica e giornalistica
  Silvio Viale e Igor Boni. Elezioni: sconfitta terapeutica
  Niccolò Bulanti. «Cosa ci aspettiamo da lui». Sulle elezioni italiane 2008
  Pd. Candidature in provincia di Sondrio
  A Parigi e in Valtellina per un'Italia europea
  Bruna Spagnuolo. Auguri agl’Italiani e… - Tellusfolio elezioni 2008
  Accordo Pd-Radicali: Appello per rispetto "parola data"
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Piero Cappelli. Dai cacciabombardieri al Superenalotto e… i poveri, tanti! Che Italia, ragazzi!!
  Andrea Billau. A proposito di immigrazione (e di Antonio di Pietro)...
  SS 38. Lettera aperta al Ministro Di Pietro
  Valter Vecellio. Di Pietro, l’antagonista scelto dal regime
  Valter Vecellio. Buongiorno a Veltroni, che si accorge del gioco di Di Pietro
  Marco Pannella. «Invito Antonio Di Pietro a ritirarsi dall’impegno politico-elettorale»
  Incontro (annullato) con Antonio Di Pietro. A Morbegno Sabato 13 febbraio
  30 soldati tornano in Italia ammalati di cancro (Ma attenzione: che resti “top secret”!)
  Bruna Spagnuolo: Uranio impoverito (III – Si può uccidere infinite volte...)
  Bruna Spagnuolo: Uranio impoverito (I - Mondo ‘civile’/ quale umanità…)
  Uranio impoverito. "Fatemi lasciare le consegne"
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy