Giovedì , 20 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Zero in condotta
09 Febbraio 2008
 

Di zeri in condotta il papa attualmente regnante ne ha rimediati ormai molti. Per gli attacchi all'islam a Ratisbona, per la messa in latino, per la schiena voltata ai fedeli, per gli attacchi alla libertà e autodeterminazione delle donne, si perde il conto. Tutte azioni che hanno finito di cancellare il Concilio Vaticano II, sicché ci ritroviamo alle prese con il Vaticano I, cioè con un concilio che rendeva dogmi alcune delle più reazionarie fantasie, introduceva l'infallibilità del papa, faceva diventare dogma la tradizione popolare dell'Immacolata e con ciò forniva una base “teologica” alla condanna dell'aborto, fino ad allora definito “cosa tetra”, ma non un omicidio ecc. ecc. Dava permanenza alle fantasie più reazionarie di Pio IX, definite nel Sillabo, con la condanna di tutte le libertà moderne (di coscienza, di pensiero, di parola, di stampa, insomma proprio tutte): un buio che più buio non si può, viene in mente “il sonno della ragione genera mostri”.

Ma l'ultimo zero in condotta è quello che Ratzinger si guadagna con la recente “preghiera” contro gli Ebrei, da inserire nella solennissima liturgia della messa del venerdì santo.

La rivista interconfessionale Il dialogo che dà una accurata e accorata informazione sulle parole e sulla storia di questo per ora ultimo zero in condotta, si chiede se si possa definire il papa antisemita e risponde di sì, sicché virgoletta “preghiera”: mi pare giusto accettare la pesante conclusione e definire le parole del papa una “preghiera contro gli Ebrei, dato che domanda al Signore che li illumini e gli faccia riconoscere Gesù Cristo come unico salvatore, e dunque si convertano al Cristianesimo. 

Su queste basi non si può intraprendere alcun dialogo interconfessionale, tutto l'ecumenismo va a farsi benedire e persino il colloquio con le realtà terrestri e politiche diventa impossibile. 

Lo si capì alla prima uscita al Quirinale, quando fu ricevuto da Ciampi subito dopo l'elezione ed erano due capi di stato che si incontravano naturalmente: Ciampi recitò al papa l'art. 7 affermando che era la definizione della laicità e Benedetto replicò seccato “bisogna vedere se è 'sana' laicità”, parole che mi misero la pulce nelle orecchie, dato che per l'appunto nel Sillabo si condanna la laicità e si afferma che essa deve essere “sana”, cioè conforme alla definizione che ne dà la Chiesa, non vi è indipendenza né sovranità di ciascuno nel suo ordine, ma la Chiesa cattolica è sovraordinata allo stato e ne giudica prerogative e definizione.

Siccome a proposito della “Sapienza”, Benedetto ne ha quasi rivendicato la proprietà, ricordandone la (tarda) fondazione, manca solo che chieda l'affitto a Napolitano, che in fin dei conti abita lì dove i papi avevano la loro splendida reggia.

Secondo me sta davvero tirando troppo la corda, ma continua a trovare l'appoggio di atei devoti e laici teneri perché una posizione reazionaria giova comunque alla destra e certo il Vaticano lo sa e credo intenda favorire un trend di democrazia autoritaria. Dato che si realizzerebbe -con la restrizione di tutte le libertà- per l'appunto il Sillabo. A quando una vera rivendicazione del potere temporale?

 

Lida Menapace

(per il supplemento domenicale di Liberazione)


Articoli correlati

  Benedetto XVI ad Auschwitz: più inquietante quello che non ha detto
  La portata del fiume di Nocera e la, purché “sana”, laicità
  Rosario Amico Roxas: Il cattolicesimo di Ratzinger (parte 1ª)
  Roberto Malini. Papa Benedetto XVI promuove odio nei confronti della comunità gay
  L'anatema di Benedetto XVI contro i Pacs e le contraddizioni del legislatore
  Valter Vecellio. Gesti, “argomenti”. Da Francesco a…
  Ratzinger in Turchia
  Rosario Amico Roxas: Il cattolicesimo di Ratzinger (parte 2ª)
  Quando le grandi religioni finiranno di appropriarsi di Dio?
  Omar Santana. Attentato al Papa o incontro con il diavolo?
  Rosario Amico Roxas: Il cattolicesimo di Ratzinger (parte 3ª ed ultima)
  Valter Vecellio. Scomuniche & anatemi
  Depressione post partum o disperazione da ignoranza e abbandono?
  L'incontro semiclandestino Fallaci-Benedetto XVI
  Fondamentale nel rapporto pastorale conoscere ed essere conosciuti
  Raffaele Garofalo. Un Papa senza speranza
  Renato Pierri. L'influenza della Chiesa
  Il grande domenicano Clerissac e il cittadino d'elezione milanese Henry Beyle
  La diversità di un papa dall’altro, il federalismo che unisce, le letture… ascoltate e l’entusiasmo per il rilancio del progetto di prosecuzione della ferrovia fino a Bormio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy