Giovedì , 04 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Alfabetizzazione totale
17 Aprile 2015
   

Ripasso qui una delle mie proposte di teoria politica, quella relativa ai fondamenti scolastici, che chiamo “alfabetizzazione totale”. Parto dall'affermazione ovvia, che l'intera popolazione deve diventare stabilmente alfabetizzata, il che comporta un certo numero di anni di scuola di base o elementare, che renda di fatto impossibile l'analfabetismo di ritorno. Nell'occasione sarebbe giusto inserire tra le regole grammaticali di base quella dell'uso del linguaggio inclusivo e il suggerimento di inventare nuove parole al femminile se non esistono finora. Bisogna sempre ricordare che le lingue morte non possono aggiungere nuove parole al proprio thesaurus, quelle viventi sì. Forse è già ora di indicare alcune abbreviazioni che sono in uso nei messaggi dei telefoni cellulari, altrimenti l'apprendimento dell'ortografia è incompleto.

Ma la cosa che più mi preme è di ricordare che l'alfabeto che usiamo non è più sufficiente, non basta cioè imparare stabilmente a leggere scrivere e far di conto: sono forme dell'espressione anche la danza o la fotografia la musica il canto il disegno la modellazione di creta: tutti gli alfabeti relativi vanno imparati. Importantissimo imparare l'alfabeto dei numeri ecc.

Non intendo affatto dire che tutti/e debbono diventare matematici/he, poete/i, ma che tutti/e debbono poter leggere scrittura poesia pittura musica danza ecc. Se qualcuno/a ha talento in uno degli alfabeti diventerà pittore o ballerina, l'importante è che tutti/e sappiano leggere qualsiasi alfabeto espressivo.

Si capirà che le scuole di base non possono essere ridotte, ma hanno bisogno di anni non inferiori a quelli che la tradizione della scuola ha in Europa, 5 o 6 anni di scuola di base.

Non intendo fermarmi ed elencare le “materie”, voglio invece solo suggerire di intervenire sui programmi scolastici oltre il livello elementare o di base per rafforzare l'impostazione di apprendimento e di conoscenza, riequilibrando il tempo destinato alla conoscenza letterario-artistica con quella scientifica.

Sono assolutamente contraria a rafforzare le scuole professionali o puramente tecniche: si può infatti arrivare alla conoscenza per molte strade, nella conoscenza vale l'eterogenesi dei metodi. Si può dunque avere un cammino di conoscenza anche attraverso il lavoro manuale, ma non è conoscenza l'apprendimento di gesti non fondato sulla conoscenza e valutazione della loro utilità.

 

Lidia Menapace


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy