Mercoledì , 01 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Rimeditazioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Da Gramsci a Santoro. Col rischio di ripetermi...
Antonio Gramsci
Antonio Gramsci 
17 Luglio 2007
 

Ero stato, a suo tempo, tra coloro che avevano deprecato l’allontanamento dagli schermi televisivi di Michele Santoro. Dopo aver sopportato, con un grande sforzo, la trasmissione andata in onda giovedì 31 maggio sui preti pedofili da lui ostinatamente voluta, ogni residuo di stima da parte mia nei suoi confronti è scomparso. È stata una dimostrazione esemplare del peggio della televisione, e tanto più trattandosi di quella pubblica: quel puntare, demagogicamente, sul pruriginoso, sul sensazionale, sul torbido, quel prendere in contropiede i due esponenti del mondo ecclesiastico, tra i quali nientemeno che un prelato di spicco come Fisichella, che sono stati, tra l’altro, gli unici a salvarsi con onore in una situazione che sembrava per loro disperata. Siamo, con questa trasmissione, tornati ai tempi bui della gogna inflitta ai reprobi sulla pubblica piazza. Attenti però: io non sto invocando alcuna censura. Invoco soltanto un modo diverso di fare informazione, soprattutto, ma non solo, quando è in gioco l’onorabilità di un ceto, per molti altri versi, benemerito e caro a tanti di noi.

* * *

Un certo risalto ha avuto nei soliti mass-media, l’entrata in carcere di alcuni scrittori. La sovrabbondanza di notizie da cui siamo in ogni momento della nostra giornata inondati e avvolti, produce alla fine l’effetto opposto: la saturazione e l’oblio. È un altro aspetto di quella eterogenesi dei fini più volte evocata in queste note. Si dimentica così la prima rottura, non personale ma di gruppo, del muro che separa il carcere dalla vita civile, promossa e portata avanti dalla Corsia dei Servi nella seconda metà degli anni ’80. Avendone fatto parte anch’io, ne posso rendere testimonianza. Da quegli incontri uscivamo stremati, ma è stata un’avventura che ha lasciato il segno sia su di noi e sia su quelli, soprattutto politici (si pensi a quegli anni), che andavamo a incontrare. Sono nate delle amicizie durature.

* * *

Il problema degli immigrati è un problema complesso, e devo confessare che anch’io mi pongo tra quelli che sono man mano guariti dai semplicismi generosi della prima ora, tipici di una certa sinistra o di un certo evangelismo cristiano.

Prendiamo la Lega: non è che non abbia dalla sua delle buone ragioni (il problema dell’identità non è un problema da poco), sono semplicemente mal gestite. Bisognerebbe tornare a Gramsci, al suo discorso sulle culture subalterne, troppo presto dimenticato dagli intellettuali della sinistra. Noto però una cosa: dove si trovano i più accaniti nemici dei nuovi ultimi arrivati, oltretutto portatori anch’essi di una propria identità? Tra le file dei penultimi. Basterebbe andare a guardare da vicino all’atteggiamento dei nostri emigranti o dei loro figli nei paesi dove gli immigrati siamo stati noi.

* * *

Non sono più in grado di andare a rileggere ciò che ho dettato nelle puntate precedenti, né di obbligare qualcuno a farlo per me. Il rischio è quello di ripetermi. I miei lettori, e le mie lettrici, me lo perdonino. D’altra parte anche le ripetizioni possono avere un senso. Non mi ricordo chi abbia detto che la ripetizione è la più importante ed edificante delle figure retoriche.

* * *

Noi cattolici latini siamo gli ultimi arrivati in fatto di familiarità con la Bibbia, Vecchio ma anche Nuovo Testamento. Può essere poco gradito a certi circoli ecclesiastici che privilegiano il tema della identità confessionale e in un momento come questo si può anche capirli, ma ciò non può giustificare il silenzio caduto su quel grande evento epocale che è stato il Concilio Vaticano II, penso in particolare, oltre che alla Lumen gentium, per quanto riguarda la Scrittura a quel grande documento che è la Dei verbum. Il diffondersi a macchia d’olio di quell’intrattenimento con la Sacra Scrittura che si chiama Lectio divina induce a bene sperare, ma siamo tuttora lontani dall’averne tratto tutte le conseguenze. Mi è caro, a questo riguardo, segnalare l’appuntamento che si ripete da tempo, ogni giovedì pomeriggio alle ore 17, al Centro Evangelico di Sondrio. I due interlocutori, don Battista Rinaldi e il pastore emerito di Poschiavo Carlo Papacella, si confrontano su un passo biblico. Non è che un ascoltatore minimamente accorto non colga le differenze, ma le differenze, questo è il punto, anziché scontrarsi si incontrano. È la testimonianza di un ecumenismo in atto, e qui sta la sua originalità.

* * *

Il nuovo Sindaco leghista di Verona, città importante e crocevia storico, se la prende con quelle che lui chiama le Belle Arti, cioè la Soprintendenza ai monumenti. Via libera dunque, alla speculazione edilizia, che così grandi danni ha già fatto alle belle città venete. Stupisce la contraddizione: l’ambiente fisico e storico è parte integrante dell’identità di una popolazione. Non dovrebbe essere la prima delle preoccupazioni di una formazione come la Lega?

 

Camillo de Piaz

(da Tirano & dintorni, luglio 2007)


Articoli correlati

  Preti sottratti alla legge, indici di gradimento delle finanziarie, esercito e polizia, spese militari
  Agedo. Costernati, chiediamo di incontrare il cardinale Bertone
  In 50 a Roma contro le dichiarazioni diffamatorie di Bertone
  Chiesa cattolica. La più grande diocesi degli stati uniti dichiara fallimento per far fronte a spese legali
  Garrincha e la Chiesa
  Giulia De Baudi. Il Vaticano ordinò ai Vescovi irlandesi di coprire i casi di pedofilia
  Intercettazioni: inaccettabile il privilegio concesso ai membri del clero
  Sinéad O’Connor. E se cominciassimo a fare lo sciopero della messa?
  Gianni Somigli. N.Y.T. fuori dalla Rai subito!
  Risarcimenti milionari per preti pedofili. Ma per il Papa il pericolo è la scienza
  Maria G. Di Rienzo. Tonaca Selvaggia
  Vittorio Bellavite. “Noi Siamo Chiesa” fa una proposta alla Chiesa italiana sul problema dei preti pedofili
  Vittorio Bellavite. Sul nuovo documento del Vaticano “de delictis gravioribus”
  “Dico no al silenzio del Vaticano”
  Preti pedofili: interrogazione al Ministro delle Politiche per la famiglia
  Mario Staderini. Processo a don Conti. “Inizia l’appello, il Comune lo rappresento io”
  “Luci contro la pedofilia” Fiaccolata questa sera a Milano in piazza Duomo
  Otto per mille e pedofilia. I soldi di tutti i contribuenti italiani per i danni civili in Usa?
  Lucia Tancredi. La vita privata di Giulia Schucht
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Se la “società civile” si accorge del monopartitismo imperfetto
  Rai. Videoappello del Psi a Santoro: “Su pluralismo non si fermi a Bertinotti”
  Maria Lanciotti. “La Pantera siamo noi” trent’anni dopo 2
  Marco Beltrandi. Rai: da Santoro tesi contro corrente
  Marco Pannella. Perché grido convinto: viva l’abominevole Santoro, e il suo insopportabile “Anno Zero”
  Luciano Martocchia. Da Annozero all'annozero
  Alice Suella: No a censure per Santoro e Travaglio
  Valter Vecellio. Regime: Berlusconi è il prodotto ultimo di un processo che viene da lontano
  Fine vita: tra diritti e diritto. Giovedì 3 dicembre a Morbegno
  Due amici, Ravasi e Coccopalmerio, in Vaticano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy