Martedì , 11 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Ritratti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. Pelé (Edson Arantes do Nascimento)
22 Luglio 2018
 





La camicia di raso azzurra (scintillii
da Messico e nuvole,) i pantaloni hippy,
appoggiato al cofano di un'elegante autovettura
targata SP-Santos WA 1000
(mille come quei gol tutti così diversi e speciali),
lo sguardo di chi ha il mondo ai piedi...
Si scrive Edson Arantes do Nascimento, si legge P-E-L-É!
Eri poco più di un bambino a Stoccolma, 29 giugno 1958,
quando piangevi dopo la finale
contro i vecchi maestri di Scandinavia
(ah l'impotenza del meraviglioso gol
di Nils, quello che non sbagliava mai
un passaggio... i suoi dribbling
a liberare il sinistro dell'illusione)
consolato dai tuoi mentori in verdeoro.

Gilmar o Didi.
Con i tuoi scatti e scarti, il sombrero,
i colpi di testa riscattasti il Maracanazo
facendo felice una nazione,
dalle spiagge di Rio alle capanne
nella foresta, dall'Atlantico
al Rio delle Amazzoni,
dalle case magiche di Bahia
alle favelas, ai gravi palazzi di San Paolo.
Ordem e progresso stava scritto sulla bandiera,

anche nel 1970,quando João Saldanha

fu abbandonato al suo destino,
ma tu giocavi – dopo Garrincha, Didi,

Vavá e Zagallo – con Jairzinho,

Gérson, Tostão e Rivelino.
e per prendere il cross di Roberto,
il gatto mancino,salisti in cielo
(e Burgnich proteso con il braccio
in una fatica vana...) e colpisti di testa
in un'elevazione eterna
per affondare Albertosi e l'Italia:
tricampeón, e la Rimet per sempre
nel ventre del tuo gran Paese.
Poi venne l'America... i Cosmos
della Grande Mela, uno sgargiante
vestito rosso in una foto
con George Best, il 1281° gol, Andy Warhol
e John Huston (mai finzione fu più vera
della rovesciata di
Fuga per la vittoria),
la tua parabola sportiva divenne potere
della rappresentazione, ma noi ti ricordiamo
in quel balzo alle stelle dell'Azteca,
la sospensione infinita,
il tocco sapiente di un mago
dalle formule segrete,
il pensiero imprendibile,
o come, quando poco più che bambino,
piangevi a Stoccolma, 29 giugno 1958,
non sapendo ancora dello stupore
e della bellezza che avevi donato
al tuo popolo e al mondo.

 

Alberto Figliolia


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy