Domenica , 17 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Sole” di Carlo Sironi
31 Ottobre 2019
 

Uno dei modi con cui l'ideologia può condizionare un racconto, anche cinematografico, è il moralismo: intendendo con questo termine l'attitudine di un autore a esprimere un giudizio morale chiaro e netto sulle azioni dei suoi personaggi, a tal punto che quelle azioni già in partenza assumono quella tinta, positiva o negativa, che deriva appunto dal giudizio dell'autore su di loro; e sono poi raccontate come a dimostrazione di quel giudizio.

Un regista italiano esordiente nel lungometraggio, Carlo Sironi, ha realizzato un film, intitolato Sole, presentato al Festival di Venezia, dedicato al tema della maternità surrogata, e CONTRO la maternità surrogata.

Si racconta di una ragazza, immigrata in Italia dalla Polonia, la quale, rimasta incinta, accetta di vendere il bambino che dovrà nascere, per qualche migliaio di euro, a una coppia sterile di coniugi italiani. Per favorire questa vendita, il nipote del marito della coppia, un ragazzo molto giovane, dovrà riconoscere legalmente il bambino come suo figlio, e poi affidarlo formalmente allo zio.

Ma se il ragazzo accetta, apparentemente senza battere ciglio, con animo imperturbabile, di favorire in questo modo il commercio del bambino, si capisce subito che in cuor suo sente che sta facendo qualcosa che non va: e infatti è sempre scontento, scontroso, implicitamente ostile a quello zio con cui ha stretto l'accordo, mentre riserva le sue rare espressioni di simpatia, o perfino di tenerezza, a quella ragazza polacca con cui, anche per avvalorare la finzione della paternità, deve provvisoriamente convivere. E d'altro canto la ragazza, se forse vorrebbe sbarazzarsi del bambino a cuor leggero, e poi, con i soldi così guadagnati, trasferirsi in Germania, non può impedirsi di affezionarsi al figlio – anzi, si scoprirà, alla figlia – e di guardare come a dei nemici coloro che si preparano a strappargliela.

E che l'autore abbia lo stesso sentimento dei due ragazzi, e che anzi forse lo abbia trasferito in loro, lo dimostrano tanti particolari: come il modo in cui rende il pianto del neonato, che suona come il grido dell'innocenza offesa; o il sorriso della madre acquisita quando tiene tra le braccia la bambina, che appare avido e crudele. Ma lo dimostra forse più di tutto una situazione che inventa: quando il neonato sta per essere definitivamente consegnato alla coppia, nell'appartamento in cui i due ragazzi convivono, come provvidenzialmente si spengono le luci, per un black out, il ragazzo accende una candela, e quell'appartamento di periferia si trasforma per qualche attimo in un presepe, nella grotta di Betlemme.

La tesi del film che i due ragazzi dovrebbero restare insieme, il ragazzo trovarsi un lavoro e aiutare la ragazza a crescere il suo bambino.

Quando un giudizio morale è così sovraimpresso a un racconto, tende a impoverirlo e a schematizzarlo: lo priva cioè di quelle ambiguità, di quei chiaroscuri che sono propri della vita reale.

Va detto però che l'autore, Carlo Sironi, dimostra notevoli capacità espressive: nel far parlare i volti e gli sguardi dei suoi personaggi; le intonazioni della voce, per esempio del ragazzo protagonista, quasi sempre taglienti, di sfida, che significano più delle sue parole; e gli ambienti in cui i personaggi sono inseriti, che somigliano a volte a quadri astratti, e che suggeriscono un mondo che vorrebbe disumanizzarli.

Interessante.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 26 ottobre 2019
»»
QUI la scheda audio)


Articoli correlati

  Benedetto Della Vedova. Il Ministro Costa sbaglia: nessuna sentenza creativa sulle adozioni
  Lidia Menapace. Maternità surrogata?
  Enea Sansi. Madre surrogata
  “Gestazione per altri”, una buona legge anche in Italia
  Lidia Menapace. Chiara Saraceno
  Renato Pasqualetti. Siamo tutti omosessuali
  Benedetto Della Vedova. Sulle unioni civili e la “stepchild adoption” serve una politica laica e liberale
  Family Day 2016
  Unioni civili, EveryOne Group. “Una tappa storica, ma non un punto di arrivo”
  “Una mamma mi aiuti a diventare mamma”
  “Una legge su gravidanza per altri per combattere sfruttamento garantendo diritti e libertà”
  Filomena Gallo. Gravidanza per altri: “L'ideologia non fermerà i diritti, Bagnasco si rassegni”
  Primo Mastrantoni. Unioni civili: Voto segreto? Palese per il Conclave
  Adriano Angelini. Le bombe della nostra ipocrisia
  “In difesa dello Stato di diritto democratico? Libertà e Scienza!”
  Consiglio d'Europa non approva la rego­la­men­tazione della gravidanza per altri
  Morbegno. Il circolo PD sulle unioni civili
  L'ennesimo fallimento sui diritti delle coppie gay sarebbe una sconfitta per l’Italia, non per i laici
  Primo Mastrantoni. Unioni civili
  Associazione L. Coscioni: Sui diritti civili la Rai non informa o disinforma
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy