Giovedì , 12 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “C'era una volta... a Hollywood” di Quentin Tarantino
28 Settembre 2019
 

Si sa che il racconto di atti di violenza, comporta sempre la possibilità, da certi punti di vista: il rischio, che lo spettatore o il lettore del racconto, ma anche il suo autore, simpatizzino con la violenza raccontata, parteggino intimamente per essa. Anche perché la civiltà tende a reprimere la violenza, sia pure con alterne fortune. E la violenza, dunque, può ricadere tra gli istinti inappagati.

È noto che la violenza, anche la più estrema, la più truculenta, è un po' un marchio di fabbrica del cinema di Quentin Tarantino. E anche il suo ultimo film: C'era una volta... a Hollywood non la risparmia (o non la fa mancare) allo spettatore, ai tanti appassionati dei suoi film. E infatti offre alla visione corpi carbonizzati, bocche maciullate, teste mezze fracassate a forza di essere sbattute contro tavole o pareti.

Si potrà osservare che, proprio perché iperbolica, eccessiva, si tratta di una violenza fantastica, paradossale, che non ha niente in comune con la violenza reale.

Ora, se è vero che, almeno alla memoria dei cinefili, queste efferatezze, questi dettagli macabri, richiamano scene viste per esempio nei film di Dario Argento, o in altri film italiani di serie B nati sulla scorta del cinema di Argento, se consideriamo come tali scene sono inserite nel film di Tarantino, viene da constatare che il meccanismo che le innesca, il movente di chi agisce in modo tanto brutale, è del tutto verosimile: elementare, perfino primitivo, ma realistico.

È facile, infatti, provare la tentazione di spaccare la faccia a un demente che per dispetto ha bucato la gomma della nostra automobile e per giunta, mentre constatiamo il danno, ci osserva con un'aria di sfottò. Ed è ancora più verosimile provare l'impulso di uccidere chi penetra armato nella nostra abitazione con il dichiarato intento di ucciderci a sua volta.

Sono appunto due delle situazioni raccontate dal film, nelle quali la reazione violenta è provocata dall'istinto di proprietà e di sopravvivenza.

Va detto che non tutto il film di Tarantino è composto di gesta sanguinarie, che occupano in effetti una modesta frazione del racconto.

C'era una volta... a Hollywood vuole essere un affresco della Hollywood di fine anni Sessanta, eseguito attingendo a piene mani all'immaginario dell'epoca, e dunque al cinema, alla televisione, alla pubblicità. Hollywood così non vuole essere rappresentata come davvero era, ma come amava rappresentare se stessa: ricca, spensierata, libertina, tutta dedita, tra feste e libero amore, al “piacere di vivere”.

Ma tanta leggerezza è contrappuntata come da una crescente corrente musicale contraria, cupa e torbida. Gli dà corpo il tormento di un attore, un divo del western, che si ritiene alla fine della carriera; poi le fantasie sanguinarie, alimentate dalla frustrazione, degli hippy seguaci di Charles Manson; la violenza ossessivamente presente nei film dell'epoca; e poi la violenza reale, storica, delle stragi.

La principale qualità di Tarantino, qui come altrove, è quella di essere un raffinato manierista: che ci dà costantemente l'impressione di imitare, piuttosto che la realtà, i prodotti dell'immaginario, particolarmente altri film: con cura dei particolari, con acuta sensibilità di cinefilo, a volte con ironia, quasi sempre con la capacità di divertimento di un grande intrattenitore.

Eppure, al fondo del suo film, affiora un elemento reale, semplice e barbarico, restituito immediatamente nella sua natura istintiva, senza volerci riflettere sopra: ed è appunto l'impulso incoercibile della violenza.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 28 settembre 2019
»»
QUI la scheda audio
)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy