Mercoledì , 14 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “La terra dell'abbastanza” dei fratelli D’Innocenzo
Fabio e Damiano D
Fabio e Damiano D'Innocenzo 
19 Giugno 2018
 

C'è un modo di pensare, radicato, a volte, anche negli intellettuali e negli artisti, per il quale le persone più povere, che vivono in ambienti degradati, o perché sono ignoranti, o perché prevalgono in loro i moventi primari della sopravvivenza, avrebbero psicologie elementari, tutte d'un pezzo, che non meriterebbero tanti approfondimenti.

Ora io non giurerei che i fratelli D'Innocenzo, autori di un film peraltro interessante, presentato al festival di Berlino, e intitolato: La terra dell'abbastanza, siano affetti da questo luogo comune. Forse una certa semplificazione dei personaggi del loro film rientra nelle consuetudini del film “d'azione”. Fatto sta che i due ragazzi delle borgate romane protagonisti della vicenda, che investono con la macchina e uccidono un loro coetaneo, non sembrano nemmeno tentati di prestargli soccorso. E quando il padre di uno dei due responsabili scopre che la vittima era un tale inviso ai potenti boss locali, e pensa di sfruttare quell'omicidio involontario per arruolare il figlio nel loro clan, questi asseconda senza resistere per niente l'iniziativa del padre, e se ne dimostra ben presto soddisfatto. E l'amico, che la notte del fattaccio era effettivamente lui al volante dell'automobile, che si sente defraudato del suo merito, per ottenere di essere ammesso nel clan, accetta immediatamente di commettere, su ordine dei boss, un omicidio. Evidentemente i fratelli D'Innocenzo vogliono raccontare di un ambiente in cui la criminalità è tanto endemica da essere percepita come un dato naturale. Ma un individuo non dovrebbe mai essere considerato soltanto come la conseguenza di un ambiente. E nella totale inerzia con cui i due ragazzi – prima di allora, sembra di capire, incensurati – si lasciano trascinare fino ai crimini più gravi, più feroci, e più pericolosi per la loro stessa incolumità, si percepisce negli autori un partito preso, un moralismo forse un po' grossolano: che cioè i due sarebbero in partenza integralmente corrotti, quasi senza contraddizioni.

È vero, però, che nella seconda parte del film, in uno dei due affiora il senso di colpa, nella forma di un malessere psicosomatico. E che anzi proprio quel senso di colpa è probabilmente causa della tragedia in cui sfocia il racconto. Ma è un elemento un po' sovrapposto in extremis al personaggio.

Tuttavia, malgrado questo semplicismo dell'impianto drammaturgico, La terra dell'abbastanza è un film che ha dei pregi e cioè dei momenti di verità.

Basti considerare come è efficacemente suggerito all'inizio, con un silenzio agghiacciante, l'insorgere della disgrazia, dell'incidente automobilistico, nella serata ordinaria dei due ragazzi; la morbosità adolescenziale con cui uno dei due assiste ai particolari inediti della realtà criminale che via via gli si prospetta: come lo stupro di una ragazza che deve essere avviata alla prostituzione, o il cadavere di un uomo appena ucciso; la timidezza da neofiti con cui partecipano, un po' defilati, a un banchetto dei boss; e, più in generale, la naturalezza che i due bravi interpreti, Andrea Carpenzano e Matteo Olivetti, conferiscono ai loro personaggi.

Dunque: un film discutibile, ma interessante.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 16 giugno 2018
»» QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy