Giovedì , 20 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Contro la violenza, la cultura
14 Maggio 2018
 

Il clima di violenza che imperversa nel nostro paese è diventato allarmante. La scuola paga il tributo più alto con atti di violenza perpetrati tra gli stessi ragazzi e contro gli insegnanti. Il problema riguarda l’intera società e sollecita da parte di tutti un esame di coscienza e una risposta a una serie di interrogativi.

Perché i ragazzi assumono tali comportamenti? Perché usano la violenza? Perché aggrediscono, picchiano e umiliano? Quali sono gli atteggiamenti di noi adulti nelle diverse sfere sociali? Siamo aperti al dialogo, all’ascolto e alla comunicazione? Sappiamo essere severi nell’impartire regole? Sappiamo dare affetto e amore? È difficile rispondere, basta guardarsi intorno per capire: la violenza imperversa in famiglia, verso le donne, verso i più deboli, i diversi, per paura, per ignoranza, per timore di dover cedere qualcosa, per il falso miraggio di essere qualcuno.

Ognuno di noi, nella propria sfera pubblica e privata, ha diritti e doveri, direttive che regolano la vita civile e la convivenza dove fondamentali sono i valori che se adeguatamente osservati ed impartiti, concorrono ad una formazione consapevole dove i principi di solidarietà, uguaglianza, libertà, seminano civiltà e progresso. Siamo noi adulti gli esempi da seguire e alla nostra responsabilità non deviare nelle parole e nei comportamenti. Gli atti di violenza compiuti dai ragazzi sono intollerabili ma prima di giudicarli dobbiamo interrogarci e capire se la famiglia, la scuola e l’intera società si sono adoprate per evitare che tali fatti accadessero. I ragazzi sono colpevoli della loro devianza, ma quale senso dare alla punizione? Si sa che in ogni circostanza è sempre meglio curare che intervenire poi drasticamente. Siamo sicuri che siano state attivate in ogni ambito tutte le strategie possibili o abbiamo preferito che l’apparenza coprisse la sostanza lasciandola alla deriva? E se il loro comportamento fosse un segnale di richiamo verso di noi? Abbiamo considerato i loro bisogni, le loro necessità, il desiderio di affettività, il dialogo, l’ascolto, la solitudine, contro il mutismo, il rifiuto, l’indifferenza? Abbiamo tentato di sottrarli alla noia? Ne abbiamo curato l’inserimento e la partecipazione offrendo loro prospettive dove la comunicazione diventa valore irrinunciabile?

La violenza è sintomo di disagio, di malessere, di dispersione, di isolamento, di allontanamento dalla famiglia e dalla scuola, di false prospettive. Contrapponiamo alla violenza e alla punizione la cultura. I ragazzi hanno bisogno di autostima, di fiducia, di valori in cui l’essere sconfigge l’avere, la presunzione, la prepotenza, la sopraffazione e l’emarginazione. La cultura è l’unico strumento capace di alimentare la mente e lo spirito con il culto della bellezza che ci circonda e con i messaggi educativi che ci trasmette. La violenza è sinonimo di fragilità in cui ogni valore viene sopraffatto dal desiderio di essere eroi, di valere e di farsi valere. Se non vogliamo perdere i nostri ragazzi utilizziamo le armi del sapere, della conoscenza, della fiducia, dell’inserimento, della pazienza, del sostegno fisico, psicologico e morale. Non c’è da meravigliarsi se si è rotto il rapporto tra insegnante e studente, basta guardare il contesto scuola per capirne il cambiamento spesso negativo, e nonostante gli sforzi degli insegnanti, che non godono più del prestigio dovuto, mostra le sue fragilità, diventando un terreno facile dove al posto della cultura il ragazzo preferisce la violenza per fare mostra di sé.

Bisogna rispondere a questi quesiti e intervenire tempestivamente con progetti di recupero non semplici ma possibili. Insieme possiamo intervenire sulle nostre disattenzioni con un comportamento corretto nell’agire e nel comunicare, memori che ogni nostro gesto è un insegnamento. Ogni ragazzo che si perde è una sconfitta imperdonabile. Il dovere di noi educatori in ogni ambito sociale ci spinge a unirci e ad armarci di volontà e di tenacia per impedire che il problema diventi irreparabile. Abbiamo tutti bisogno di una società più giusta, di calore umano e di un futuro che inglobi i giovani in modo attivo e interattivo. Abbiamo bisogno di potenziare la scuola come elemento centrale della società, con leggi mirate al benessere di tutti i componenti. Abbiamo bisogno di risentire pulsare il nostro cuore e di riappropriarci di termini come: dignità e rispetto. Abbiamo bisogno di sentire pulsare il cuore dei nostri ragazzi, perché componenti il nostro domani e infondere in loro la speranza di essere protagonisti.

La riflessione ci aiuta a guardare oltre le cose e ad agire con circospezione e razionalità. Facciamo in modo che al momento la punizione non si muti in un boomerang di colpevolezza verso di noi e che il bullismo non canti una triste vittoria.

 

Anna Lanzetta


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy