Giovedì , 23 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Paola Forlani. Arte al femminile 7 
Simone Forti
30 Dicembre 2019
 

La monografia su Simone Forti all’Ica (Istituto contemporaneo per le arti) colma una grande lacuna: è la prima mostra istituzionale in Italia dell’artista sperimentale nata a Firenze nel 1935, americana d’adozione – si trasferì a New York nel 1959. Molti lavori che compongono la mostra milanese – disegni, acquarelli, video – sono inediti.

Simone Forti iniziò a ballare nel 1955 con Anna Halprin, che stava facendo un lavoro pionieristico nell’insegnamento e nell’esecuzione dell’improvvisazione della danza. Dopo quattro anni di studio di laboratorio e apprendistato nello studio all’aperto di Halprin nella zona della Baia di San Francisco, Simone si trasferì a New York City. Lì ha studiato composizione nello studio di Marce Cunningham con il musicologo / educatore di danza Robert Dunn, che stava introducendo i ballerini nelle partiture di John Cage. Iniziò così la sua associazione con Judson Dance Theater Group che rivoluzionò la danza a New York negli anni ’60.

Dalle sue prime danze e costruzioni minimaliste ai suoi studi sugli animali, animazioni di notizie e ritratti di terra, Forti ha lavorato con un occhio nella creazione di modi di dire per esplorare forme e comportamenti naturali. Negli ultimi quindici anni Forti ha creato e sviluppato Logomotion, una forma di danza / narrativa improvvisata in cui il movimento e le parole scaturiscono spontaneamente da una fonte comune.

Con le sue opere, Simone Forti contribuì all’ibridazione tra danza e performance (Tra i suoi “complici” Trisha Brown e ovviamente Merce Cunningham, del quale fu allieva a New York). Ne sono un esempio le due performance, entrambe del 1961, che sono state rimesse in atto durante la mostra milanese. In Huddle, un gruppo di performer dà vita a una sorta di “abbraccio” che simboleggia la laboriosa creazione di un organismo collettivo a partire dai singoli individui. Censor crea invece un’atmosfera di tensione e contrasto tra due persone: una scuote una pentola piena di chiodi, l’altra intona una nenia, cercando di farsi sentire nonostante il frastuono. L’esposizione testimonia tra l’altro anche il soggiorno romano dell’artista, quando prese spunto dagli animali dello zoo della capitale per acquarelli e movimenti coreografici. Tra gli altri lavori storici, quelli della serie Cloths, nei quali si produce una paradossale ibridazione tra scultura ed essere umano.

 

M.P.F.


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy