Sabato , 07 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Paola Forlani. Arte al femminile 4 
Paloma Varga Weisz
26 Novembre 2019
 

Si tiene al Bonnefantenmuseum di Maastricht la retrospettiva che indaga il lavoro della tedesca Paloma Varga Weisz (Mannheim, 1966), creatrice di un lavoro che fonde le sue abilità d’intagliatrice e ceramista con i media più avanzati. Una sessantina di opere in mostra tra sculture e installazioni che contengono echi di saghe nordiche e riferimenti alla storia classica. In rassegna anche lavori inediti, come Gente selvaggia, 1988, esposta al pubblico per la prima volta.

Attraverso un’iconografia articolata che mescola citazioni tratte dalla tradizione artistica rinascimentale italiana e gotica tedesca, riferimenti psicanalitici, memorie personali e una rilevante fascinazione del corpo umano – specialmente quello femminile – l’artista crea complesse e poetiche installazioni capaci di condurre lo spettatore in una dimensione contemplativa a metà tra sogno e realtà. Il particolare uso di tecniche desuete – tra le quali l’intaglio nel legno, la policromia e la ceramica – si combina alla componente autobiografica aggiungendo un ulteriore livello simbolico alla narrazione. Nonostante affondino in un tessuto che richiami episodi personali, denso di rimandi alla pittura e scultura del Rinascimento così come alla tradizione popolare e all’artigianato, le opere di Varga Weisz si fanno memoria di una sensibilità condivisa e collettiva dai riferimenti di matrice europea, capace di raccontare i livelli più intimi della nostra esistenza.

Sono rari gli autori contemporanei che hanno fatto esperienze artigianali come Paloma Verga Weisz, abile artista del legno che ripiegò su una piccola scuola d’intaglio sulle Alpi bavaresi dopo il rifiuto di ammissione all’Accademia d’arte di Mannheim. Da quella frustrazione nacque la sua fortuna: «Realizzai presto che potevo tutto ciò che volevo con un semplice pezzo di legno». Figlia di un artista – suo padre Feri era un pittore astratto –, s’interessò prestissimo alla storia dell’arte antica e moderna indagando l’intensità degli sguardi delle statue religiose, il bagaglio emotivo dei ritratti di Luca Cranach, le atmosfere sospese di Giorgio de Chirico. Presto trovò il suo linguaggio, attualizzato anche nell’uso dei media (è anche autrice di film e video). Il suo percorso, raccontato in mostra, include lavori come La donna dei boschi, 2001, dove una figura femminile di grandi dimensioni e due figure maschili molto più piccole, in piedi e sedute su due tronchi, rimandano alla società matriarcale contadina, e Bumped body, 2017, in cui l’artista ha dato alla sua figura ancestrale un equilibrio fra peso e leggerezza. L’artista allude sempre al rapporto tra memoria, rimozione e riemersione del ricordo. Tale combinazione diventa nelle opere di Verga Weisz espressione di una dimensione dell’essere frammentaria, in cui il corpo da “intagliare” si fa porzione, l’identità travestimento e la memoria intermittenza. Nella mostra troviamo riferimenti al padre dell’artista in un film muto, intitolato Deux artists, 1986. È proprio questo lavoro giovanile, e nel tema dell’identità in esso affrontato, una delle chiavi interpretative dell’intero percorso in mostra che Verga Weisz chiude con l’opera Lyng man (uomo disteso), 2014. Questa scultura diventa riflessione conclusiva sulla dimensione dell’essere scissi, mancanti e apolidi, condizione esistenziale dell’uomo e che oggi ritroviamo attuale più che mai nel dramma degli esodi di massa.

 

M.P.F.


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy