Giovedì , 16 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marisa Cecchetti. “T’insegnerò la notte” di Caterina Ceccuti
11 Giugno 2020
 

Caterina Ceccuti

T’insegnerò la notte

Mauro Pagliai Editore, 2020, pp. 286, € 15,00

 

Rientrare a casa a tarda notte dopo una giornata di lavoro ed una buona bevuta in compagnia di amici, e trovare seduta sulla panca del disimpegno una donna morta, non è senza dubbio il presupposto per un buon riposo: “Ricordo solo che il corpo si è andato intorpidendo, pesante, sempre più pesante. La vista annebbiata. La fine è arrivata con il buio e il tonfo sordo sulla terra. Morta. Solo questo mi ricordo con certezza. Era morta per davvero”.

Questo succede al direttore di un ufficio stampa, un giovane che condivide lavoro e tempo libero con Graziano, amico d’infanzia. Cris, questo il suo nome, non riesce a portare avanti a lungo un rapporto affettivo. Eppure è innamorato di Alessandra fin dai tempi dell’Università, ma non sa trascorrere con lei nemmeno una notte intera, dopo l’amore.

Complesso è il rapporto con la famiglia: della madre porta con sé i ricordi sereni d’infanzia, quando lui era al centro delle sue attenzioni, una donna luminosa e felice: “Per andare a fare la spesa mi metteva a sedere sul seggiolino della bicicletta… La sentivo pedalare alle mie spalle, cantando per me canzoni inglesi o americane… Nel vento vibrava una felicità talmente completa che se avessi dovuto disegnarla l’avrei fatta rotonda”.

Finché il matrimonio non si è spezzato e lei si è spenta ed è diventata una donna grigia e distaccata, anche da lui: “Fu mio padre a mandarla in pezzi”. Quasi inesistente il rapporto col padre che “viaggiava, sempre in giro per il mondo a far foto per riviste e giornali, reportage, documenti, mostre”.

Il collega Graziano è vicedirettore. Palestrato, irrequieto, sempre in moto-sul-posto, facile conquistatore, senza un rapporto stabile. È l’unico a cui Cris può raccontare la sua visione notturna senza vergogna, tuttavia con la paura di essere preso per pazzo. Ma Graziano lo protegge, lo rassicura, gli sta sempre accanto.

Le allucinazioni purtroppo si ripetono. Il rientro a casa, la notte, ormai sono un tormento: l’attesa di una nuova allucinazione sconvolge la mente e indebolisce il fisico. Lui trascorre le ore del buio ad occhi aperti a guardarsi intorno aspettando l’alba, mentre recupera i ricordi.

Lo psichiatra gli ha consigliato inizialmente uno stacco dal lavoro. Così, per cura, ha trascorso un fine settimana a Saturnia portando con sé anche Alessandra. Poi lo psichiatra lo stordisce di farmaci.

Che cosa dilania Cris fino a provocargli tali allucinazioni? Fino a sconvolgere la sua esistenza? Chi è, che cosa cerca? Non sa ancora tutto di sé. Lo scoprirà con sofferenza, negando poi violentemente la scoperta stessa e chiudendosi con risentimento duro verso gli altri, primo fra tutti Graziano, il suo unico vero punto fermo.

Caterina Ceccuti, giornalista fiorentina, ha saputo calarsi molto bene nella psicologia maschile dando vita a personaggi solo in apparenza lineari, in realtà molto complessi -come la maggior parte del genere umano-, che arrivano lentamente e con dolore al centro di sé. Ha saputo trascinare il lettore e farlo simpatizzare con tutti, nessuno escluso, virtù e vizi compresi; ha sorpreso con dei colpi di scena improvvisi, in una atmosfera surreale, mantenendo alta la tensione fino all’ultima pagina.

 

Marisa Cecchetti


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy