Giovedì , 23 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marisa Cecchetti. “L’ora di Agathe” di Anne Cathrine Bomann
06 Gennaio 2020
 

Anne Cathrine Bomann

L’ora di Agathe

Traduzione dal Danese di Maria Valeria D’Avino

Iperborea, 2019, pp. 156, €15,00

 

Anni quaranta del secolo scorso, in un piccola città francese uno psichiatra settantenne prende atto delle visite che lo separano dal pensionamento e con entusiasmo le scala ogni giorno dal registro che la sua segretaria, silenziosa, efficiente, assolutamente non invasiva, tiene aggiornato per lui.

Non accetta pazienti nuovi, consapevole che questo tipo di cura richiede tempi lunghi che ormai lui non può più dedicare loro. I pazienti che segue da tempo ormai li conosce bene, sa delle loro manie e ossessioni e paure segrete con cui continuano a combattere, ormai li ascolta poco, interviene soltanto con qualche mugugno che dimostra la sua presenza dietro il lettino.

Abitudinario, vive da solo, al ritorno cerca la poltrona e la musica preferita, non intrattiene rapporti con nessuno fuori dall’ambulatorio, non ha amici né amore. Ma una presenza irrompe nella sua vita, una paziente nuova che infrange il divieto, Agathe, con un referto di tentato suicidio, di ricoveri, terapie invasive, contenzioni.

Partito quasi da una forma di resistenza all’imposizione, lentamente si lascia coinvolgere dalla personalità di Agathe, dolorosamente oscillante tra il desiderio ed il rifiuto della vita, fino all’autolesionismo. Intanto, mentre si accorcia la lista delle visite, lui prende coscienza della condizione di vuoto assoluto che gli si apre davanti e al tempo stesso lo spaventa l’idea della decadenza progressiva del corpo. L’assenza imprevista della segretaria, che deve stare vicina al marito gravemente malato, accresce la sensazione di abbandono e solitudine, tanto che il panico lo attacca improvviso e lo svuota di forze.

Ma Agathe è la donna di cui vorrebbe trattenere i profumo quando esce dalla sua stanza, che lo desta alla vita, alla scoperta dei sentimenti, mettendo a nudo, attraverso l’esame di sé, anche le fragilità e le paure, l’hortus conclusus dello psichiatra, da cui lui osserva con curiosità, ma senza il coraggio di fare passi ulteriori. In una forma di circolarità e di inversione di ruoli, paziente e medico si svelano e si aiutano.

Con lo stupore e la meraviglia di un bambino di fronte alla vita, lui si scopre di giorno in giorno sempre più disposto a fare gesti inconsueti di apertura, di presenza effettiva, con il coraggio di affrontare la paura più grande, quando fa visita a chi è vicino alla morte. È solo davanti a lui che confessa: -Io non ho mai amato nessuno-. E l’altro: -Non tutti abbiamo questa fortuna. Forse per lei sarebbe più facile morire-. Ma la sua condizione esistenziale sta nella frase conclusiva: -Forse. Ma mi è più difficile vivere-.

Romanzo di esordio della scrittrice danese, L’ora di Agathe, è un delicato percorso dentro la psiche umana, che strappa la maschera imposta dai ruoli e dalle convenzioni, sottolineando le nostre paure più profonde insieme ai bisogni fondamentali di ogni essere umano, dall’amore per se stessi, al bisogno di relazioni di amicizia, di affetto ed amore. I personaggi, protagonisti e non, delineati con tocchi magistrali, si intrecciano e si completano tra loro.

Dispiace tuttavia che, dopo una tensione narrativa mantenuta costante, questa si sciolga sul finale in modo troppo rapido e prevedibile, come se incalzasse la fretta di chiudere la storia.

 

Marisa Cecchetti


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy