Giovedì , 06 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Movide selvagge del “bel paese” 
Durante la fase 3 del Covid-19
23 Luglio 2020
 

Si leggono con disappunto e raccapriccio i recenti fatti di cronaca legati alla violenza rissosa e dilagante nel mondo della cosiddetta movida giovanile.

Da Roma giungono poi cronache impressionanti: bande di balordi ogni weekend “calano” su Trastevere e, fra i tanti giochi pericolosi, praticano anche la “gara di sputo” contro citofoni, maniglie, usci delle abitazioni. Se sono ragazzi imbecilli e sottosviluppati non si sa, si sa soltanto che sono vestiti tutti uguali, come in Arancia Meccanica, e terrorizzano i residenti del quartiere.

La fase 3 del Covid -19, già difficile in sé, è aggravata dal rischio contagio. Gli idioti “untori” sputerebbero di proposito su citofono e maniglie di casa dei residenti, con l’unico scopo di contagiare il virus. Lo denuncia, al Corriere della sera, Fiorenza Cipollone, donna di spettacolo e di mondo, costumista in tante produzioni Rai e film.

Scrive la Cipollone: Questi bulli sono energumeni che non riusciamo a fermare. Le abbiamo provate tutte, con denunce a ripetizione… Sono terrorizzata, barricata in casa… i livelli di violenza toccati ogni notte, ormai non più soltanto nel fine settimana, sono inimmaginabili. Dalla periferia o anche da fuori Roma arrivano bande di ragazzini vestiti tutti uguali, come in Arancia meccanica, con al polso un pugno di ferro. Ci sono anche ragazzi per bene, certo. L’idiozia non prevede distinzioni di censo.

Già nelle scorse settimane la polizia è stata costretta a chiudere diverse piazze per evitare gli assembramenti. Movide selvagge… dramma vero che non si riesce a controllare in nessun senso e sta diventando un grande problema di ordine pubblico ovunque.

Locali del Ravennate e di Bologna sono finiti al centro dell’attenzione delle forze dell’ordine negli ultimi giorni e non solo per violazione delle norme anti-coronavirus, ma anche per quanto riguarda il divieto di assembramenti. Stesso scenario si ripete in molte località della Sicilia dove, purtroppo, nei giorni scorsi si è passati da 35 a 53 contagiati. E i contagi, a quanto viene comunicato dalla Protezione civile, sono in continuo aumento, in tutto il territorio nazionale.

Ci si chiede: quali le cause? Non è facile rispondere. Ovviamente non sono solo da addebitare alle bravate delle banda dei balordi. Si pensi piuttosto a chi continua a negare l’esistenza del Covid-19 e, in particolare, a quelli che, contro ogni evidenza, sostengono che il coronavirus ha cessato di essere un pericolo per la popolazione “posto che lo sia mai stato”. Negazionismo che, chiaramente, ha trovato terreno fertile nel menefreghismo e superficialità di buona parte dei giovani verso i quali il dottor Iacopello, direttore del reparto di malattie infettive dell’Ospedale Cannizzaro di Catania, ha avuto parole chiare e toccanti: ...i giovani possono diventare i principali diffusori della malattia anche se hanno sintomi lievi. I ragazzi hanno molti contatti con gli anziani. In questo momento i più giovani devono avere un altissimo senso di responsabilità: la salute degli anziani, dei loro nonni, dipende da loro.

I sindaci di tutte le località di villeggiatura, con circolari ed ordinanze, non tralasciano di ricordare ai titolari di bar e “ritrovi” che bisogna mettere da parte gli egoismi e far prevalere il senso di responsabilità ed il rispetto della vita propria e altrui. Appelli reiterati ai giovani e alle loro famiglie perché evitino situazioni di pericolo onde evitare provvedimenti restrittivi ricordando a tutti che la violazione delle disposizioni in materia sanitaria costituisce reato e comporta la chiusura immediata dell’attività commerciale.

Appelli – a quanto pare – caduti nel vuoto.

Massimo Recalcati, psicanalista, in un articolo (la Repubblica del 21-07-2020) dà della movida selvaggia e dilagante una lettura in chiave psicologica e come se fosse provocata dalle regole anticontagio, dalla privazione della libertà, delle relazioni affettive e dei contatti sociali… che si rivela violenza cieca, senza obiettivi e senza alcuna giustificazione (…) legata a un eccesso inespresso di angoscia.

Non credo proprio che la violenza tra i giovani sia sbocciata dalle restrizioni varate per arginare la pandemia, la violenza esisteva anche prima. Ritengo semplicemente che c’è alienazione in questi eventi, si scappa dalla realtà, rifugiandosi nelle certezze di una vita sregolata. Per me sono soltanto ragazzi superficiali che sconoscono il sacrificio e credo che a determinare il sentimento della libertà come diritto ad un divertimento senza limiti sia l’espressione di una educazione fallimentare, innanzitutto familiare.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Maria Lanciotti. In quarantena con l’istrice
  Mellana. Lo sballo in maschera
  Enrico Bernardini: Enoturismo. Esempi di buone pratiche ai tempi del coronavirus
  Mellana. La negatività che ci piace
  Mellana. Stretti tra scienza a superstizione
  Mellana. Una mano lava le altre
  Mellana. Quel che è fatto è reso
  Lombardia. Continua la quarantena del Consiglio Regionale
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Mellana. Il monumento all’eroe sconosciuto
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune considerazioni geo-sociali. (I parte)
  “I sopravvisuti”
  Vetrina/ Michele Tarabini. In un incubo
  Michele Tarabini. Retoriche banalità
  Coronavirus oltre i numeri
  Mellana. Un settore ancora trainante
  Carlo Forin. Distanziamento
  Michele Tarabini. Vivere o tirare a campare?
  Giulia Crivellini. Dividersi in tifoserie persino su un virus?
  Vita da cani. #PossoPor­ta­re­il­Ca­ne­Fuori
  Laboratori virologici e ricerca nucleare: è necessario che operino alla luce del sole
  Michele Usuelli. Regione Lombardia: Consiglio in auto-quarantena
  Renato Ciaponi. Un grazie sentito ai negozi di vicinato
  Agustín. Le cose più importanti
  CIA Manzoni. La lezione si fa alla radio
  Roberto Malini. Il coronavirus somiglia all’influenza di Hong Kong del 1968
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  La scuola a prova di coronavirus
  Enrico Bernardini. Turismo in Italia: alcuni riflessioni a seguito dell’emergenza Covid-19
  Oltre le indicazioni
  Roberto Malini. Ansia da pandemia
  «Gli uccelli» di Hitchcock, il progresso che implode e le logiche del virus
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune con­si­de­ra­zio­ni geo­eco­no­mico-sociali. (II parte)
  Linda Pasta. Covid-19: “Mission possible: limitare il contagio”
  Sandra Chistolini. Il Coronavirus visto dai bambini della scuola dell’infanzia all’aperto
  Vincenzo Donvito. Il populismo sanitario
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Rosella Reali. I nostri eroi quotidiani
  Paola Mara De Maestri. Corona Virus
  C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
  Mellana. Tutto andrà benissimo
  Mellana. Ad ognuno come le pare
  Carlo Forin. Primavera 2020
  Sopra la maschera investo me stessa
  Linda Pasta. Inquinamento atmosferico e diffusione del virus
  Nel tempo angusto e oscuro del Coronavirus
  La maestra Mara e le sue storie per i bambini
  Agustín. Ponzio Pilato
  Mellana. Altro che resurrezione...
  Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
  Michele Tarabini. Non raccontiamocela così tragica
  Mellana. Diogene
  Roberta De Horatis. Hic et nunc
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il silenzio della fine...
  Giuseppina Rando. Sulla statua di Indro Montanelli
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel variar di vento...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vertigine mortale
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trovino rifugio le lacrime
  Giuseppina Rando. I dipinti di David
  Vetrina. Giuseppina Rando. Geografie dell’io
  Vetrina/ Giuseppina Rando. parvenze di giorni
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy