Lunedì , 17 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. La Natura che combatte
15 Maggio 2019
 

Qui ai Castelli Romani abbiamo due splendidi laghi storici e non ce ne curiamo. Poi c’è chi per caso si ritrova uno ‘specchio d’acqua’ e lo difende a denti stretti con tutti i mezzi possibili.

Il nostro Lago Albano, il più profondo d’Italia tra i laghi vulcanici, sfiora nel punto massimo i 170 metri, conserva nel fondo le prove della sua antichità e della sua importanza – dalla preistoria all’età imperiale poi residenza papale (oggi convertita in museo) – e tutto ciò giace sotto un deposito immenso di rottami, prova dell’attuale inqualificabile inciviltà e irresponsabilità istituzionale che segna la nostra epoca. Così come il leggendario lago di Nemi testimonia con la sua ricchezza archeologica tratti di storia ancora aggrovigliati al mito, e versa tuttavia in uno stato di abbandono che velocemente lo va deteriorando senza che dal basso o dall’alto s’alzi una protesta o una proposta da attuarsi di corsa e concretamente.

Poi, si diceva, c’è chi un laghetto se lo ritrova magari per sbaglio in zona urbana cementificata e avvelenata, nell’area di un complesso industriale in disuso, scaturito magari durante gli scavi per un parcheggio interrato – ma nulla accade per caso, e le sorgenti se tu le storni loro cercheranno comunque di farsi largo in qualche modo, a meno che non vengano convogliate nelle fognature o peggio tombate come delittuosamente si usa fare qui nella nostra bella Italia – e quella benedetta acqua viva, in origine acqua minerale purissima poi fosso della Maranella poi Acqua Bullicante, no, non la molla, le monta la guardia, organizza i picchetti, respinge gli assalti, urla in coro il suo altolà. Magari in versione Rap. (Maria Lanciotti)

 

 


 

 

Il lago che combatte

Assalti frontali & Il Muro del Canto



Palazzinaro amaro sei un palazzinaro baro
per tutto il male fatto a Roma adesso paghi caro
al funerale del tuo centro commerciale
è bellissimo vedere il nostro lago naturale

scava scava scava scava nella notte brava
hai trovato l’acqua bulicante e 10.000 piante
l’acqua con le bollicine che non ha mai fine
scorre sotto le colline come queste rime

scava scava scava scava e non se l’aspettava
un lago na-tu-ra-le d’acqua mi-ne-ra-le
un miracolo… nella metropoli meravigliosa
lì c’era una fabbrica di finta seta, la Viscosa

c’era il capitalismo, un’area gigantesca
ci lavoravano le madri, i padri e a ogni scolaresca
ognuno che pensava: “Morte tua vita mia!”
poi ha fallito, hanno tramato ed è arrivato il lago della Snia

e a me viene da piangere per tutte le magagne
per questo lago che non ha intorno le montagne
non è il Turano o il lago di Bolsena
ha intorno centomila macchine e ognuna dentro ha il suo problema

In mezzo ai mostri de cemento st’acqua mò riflette er cielo
È la natura che combatte, e sto quartiere è meno nero
In mezzo ai mostri de cemento il lago è ‘n sogno che s’avvera
È la natura che resiste, stanotte Roma è meno nera

bella Torpigna, bella Torpignattara
borgata dove il razzista ha la sua bara
amiamo anche Prenestino Labicano
se sei con noi adesso alza la tua mano

qui l’aria è più dolce da quando è nato il lago
è non è spuntato dal cappello di un mago
è il nostro lago, uscito da sottoterra
e s’è alzata una guerra nella zona della Marranella

dietro il cancello chiuso c’era un abuso
avevano cambiato la destinazione d’uso
scava scava scava nella notte calda
prendono la falda e in alto la mia banda!

Tutto il quartiere va al cancello per aprire un varco:
“Basta con il cancro! Noi vogliamo il parco!”
“Aprite quest’ingresso sta nascendo un lago!”
Ma il costruttore zitto, lui faceva il vago

succhiava con l’idrovora, succhiava l’acqua
e la buttava nelle fogne andasse tutto in vacca
poi è arrivato un acquazzone e non è un segreto
s’è rotto il collettore e s’è riempito di merda il Pigneto

da allora il lago ha vinto, si è stabilizzato
ed è il lago è di tutti, non è un lago privato
ha invaso il cemento armato e ci ha chiesto aiuto
noi lo abbiamo immaginato, amato e conosciuto

In mezzo ai mostri de cemento st’acqua mò riflette er cielo
È la natura che combatte, e sto quartiere è meno nero
In mezzo ai mostri de cemento il lago è ‘n sogno che s’avvera
È la natura che resiste, stanotte Roma è meno nera

E da tutte le finestre di Largo Preneste
hanno visto questa scena sotto il cielo celeste
l’acqua che esce e rigenera l’umanità
e il sindaco che fa? qui c’è la felicità!

di superficie: 10.000 metri quadri
ma attenti! sono tornati i ladri! gli stessi dei padri
dei nonni, quelli che cambiano i panni
e vogliono rubarci il lago da più di dieci anni

Esproprio! Esproprio!” per il nostro polmone
E qui ci siamo tutti “Daje Casalbertone!”
noi abbiamo questo passo, lottiamo dal basso
e quale bando? qui ognuno dà la vita senza niente in cambio

tutti alla riva dell’acqua sorgiva
che sale in superficie e fa Roma più bella e viva
l’underground ci dà buoni amici
la natura si ribella e a noi ci fa felici

c’è il cormorano con noi, c’è il martin pescatore
sta proprio dietro la stazione e Porta Maggiore
e piano, piano è nato già un nuovo ecosistema
c’è un bambino che nell’acqua va in canoa e rema

In mezzo ai mostri de cemento st’acqua mò riflette er cielo
È la natura che combatte, e sto quartiere è meno nero
In mezzo ai mostri de cemento il lago è ‘n sogno che s’avvera
È la natura che resiste, stanotte Roma è meno nera


Foto allegate

Lago Albano, anni
Lago di Nemi
Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy