Mercoledì , 16 Gennaio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. L’Italia che sgombera gli insediamenti di emergenza durante giorni di gelo
18 Dicembre 2018
 

Genova – Le autorità non avvisano più, prima di avventarsi su un campo di emergenza, in cui sono rifugiate famiglie indigenti, per sgomberarlo e distruggerlo con le ruspe. La disumanità vince e le cittadinanze, in attesa del Santo Natale, applaudono gli sgherri armati e i cingolati distruttivi che annientano vite umane e mettono famiglie indigenti in mezzo alla strada, mentre la temperatura scende e minaccia la vita stessa dei bambini, delle donne, degli innocenti che si ritrovano, spesso di primo mattino, senza un riparo sulla testa né un’idea di futuro.

Roma, a Ponte di via delle Valli le forze dell’ordine e l’Ama hanno sgomberato un insediamento rom lungo la tangenziale est. Milano (la città in cui la qualità della vita, secondo Il Sole 24 Ore, è la migliore d’Italia: non quella di tutti!), a Sesto San Giovanni, sgombero in viale Casiraghi, dove in un’azienda abbandonata, senza nuocere ad alcuno, numerosi rom avevano costruito le loro baracchine e tende, con materassi, piatti, pentole e fornelli. Cacciati via, senza alternative sociali (a cosa servono allora i servizi sociali? A giustificare la violenza istituzionale?). Un altro campo è sotto sgombero a Navacchio, frazione del comune di Cascina, in provincia di Pisa. L’appello di Munira Halilovic, madre di cinque bambini, non è servito a nulla. Il Comune le ha offerto tremila euro per andarsene e trovare una soluzione abitativa da sola, senza alcun sostegno. La gente del posto, anziché protestare contro un’atrocità vera e propria, afferma di sentirsi sollevata e plaude alle istituzioni locali che hanno usato il pugno di ferro con la famigliola indigente ed emarginata. E con l’intera comunità, fatta di altre famigliole nelle stesse condizioni di quella di Munira.

Oggi a Genova, uno dei comuni meno umani con i poveri, le baracche e le tende in salita Cappuccini di Campi sono state annientate dalle ruspe di Amiu e della Città di Genova. Alcune famiglie, per evitare il contatto con le forze dell’ordine, temendo denunce, fogli di via e sottrazione di minori, se ne sono andate all’alba, in un gelo insopportabile, verso nessuna meta. Le altre hanno ottenuto sette giorni in albergo e poi via, in mezzo alla strada senza alcuna prospettiva, neanche per i sette bimbi, già provati da malnutrizione, freddo e povertà.

Questo è Natale? Hanno senso i sorrisi della gente che vuole sentirsi buona, in pace con la propria coscienza? E le luminarie, brillanti come stelle nelle notti di ghiaccio? E gli auguri, le messe, le canzoncine gioiose che salutano il bambinello e la sua famiglia, una famiglia che era povera e perseguitata come quele sgomberate nella penisola? No. Il rumore delle ruspe, le voci secche degli uomini in divisa coprono ogni altro suono. Ha ragione don Farinella. Niente Natale, niente messe, niente falso calore umano, quest’anno, per i buoni.

 

Roberto Malini


Articoli correlati

  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Genova. Un altro ponte è crollato
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  La violenza sulle donne Rom
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
  Morire a Milano di povertà, indifferenza e freddo
  Roberto Malini. In Italia le autorità perseguitano i poveri
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy