Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Ordine di farfalla
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin. La potenza dei nomi degli dèi
18 Marzo 2019
 

La potenza umana dei nomi degli dèi è stata riconosciuta e praticata da me per elaborare l’archeologia del linguaggio.

Questa disciplina riconosce nei nomi degli dèi le erme [in greco gli incroci, dal dio messaggero Ermes, in zumero: il cammino, er, del me] delle parole comuni [uerba lat., inim zum.]. Ho sempre saputo che avrei praticato una doppia rete [zum.: re.te = ‘cammino. connesso’] col rischio di confondermi.

Badate: doppia rete, lungo la ricerca dell’etimo: quella dei nomi degli dèi, riconosciuti dagli uomini, e quella dei nomi comuni. Oggi, mi viene inserito in AcademiaIl zumero Amen in mezzo ad analisi di autori che non pratico (estraneo a siti a pagamento). Immagino che continuino la pratica etimologica confusa. La potenza dei nomi degli dèi è ignota tuttora. Salvo sprazzi nel buio come “Rilettura del latino nihil = nulla(Tellusfolio, 14/03/2019) e “L’odore delle pecore e del lupo” (ArcheoMedia, 22/12/2018).

Ho cominciato vent’otto anni fa,1 da agnostico, davanti al paleonimo Monte de Antares e colo maledicto in Vittorio Veneto col monte Altare, ad occidente della finestra dello studio della casa di famiglia in via Torricelli 3. Concludo l’itinerario in questa quaresima 2019 col riconoscimento nella parola italiana monte, la latina monte e la zumera fonica ete numun, ‘connessione-connessa – seme’, nei grafi te.mun.

Eme ghir, la lingua zumera,

eme – gir15/gi7

Sumerian language (‘tongue’ + ‘native’ –no: ‘cuneo che scrive’-).2

ritenuta dai popoli centro-nord europei perduta senza seguito rivela di essere l’origine lontana delle lingue moderne.

Io conosco, lat. cognosco, vel gnosco, zum. ku.gnusku, vel Nushku con la lampada [segno dello zodiaco mesopotamico]3 ig, in grafi ghi. Il dio Nushku, pari ad En Lil [Signor Aria/Vento] è leggibile grazie a GESH.BU, ‘Albero di conoscenza’, GESH.UB, ‘Albero del Cielo’ che mi ha evitato la confusione.

 

Carlo Forin

 

 

1 Nel 1991.

2 John Alan Halloran, Sumerian lexicon, Logogram Publishing, Los Angeles, 2006: 60.

3 Il serpente attorcigliato in copertina de La scrittura celeste di Giovanni Pettinato, A. Mondadori, Milano, 1999.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy