Giovedì , 17 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. “Figlie di un dio minore”, un reportage che pone interrogativi
03 Ottobre 2019
 

La storia della guerra, ci insegnano, la scrivono i vincitori. Sui libri è facile riconoscere i cattivi dai buoni e identificarsi con questi ultimi, arrivare persino a considerarli eroi. Almeno finché siamo molto giovani. Poi scatta una nuova consapevolezza e si impara a leggere tra le righe, nel non detto, nelle censure, negli spazi scomodi, nelle piaghe e nelle pieghe della memoria, nelle storie ‘altre’, e si diventa coscienti che tutto ciò che è polarizzato non è mai davvero lo specchio della realtà. Viviamo in un mondo a colori, non in bianco e nero e la realtà, di sfumature, ne ha infinite. Ci vuole grande onestà intellettuale per leggere libri sui partigiani e poi leggere delle foibe e va riconosciuto che ancora oggi non è facile parlare di quel periodo storico e dei suoi protagonisti senza essere criticati dagli opposti schieramenti politici. Leggere, documentare e raccontare per un giornalista non significa tifare per una parte o per l’altra. Significa, semmai, restituire la complessità di una situazione dove sì, spesso c’è chi attacca e chi contrattacca per difendersi, ma di fatto tra due eserciti, tra esercito e i ribelli, tra milizie, ci si confronta con lo strumento della violenza e il risultato è di vittime e feriti tra i soldati, ma soprattutto vittime, feriti, sfollati e profughi tra i civili. I ‘vincitori’ delle guerre scrivono la storia, ma oggi, grazie alla diffusione su larga scala dei social media, chi è coinvolto in un conflitto racconta con i suoi stessi strumenti la sua versione, fa, spesso in modo spaventosamente violento, la sua propaganda e quando non ci sono giornalisti liberi a testimoniare e mediare, la verità si fa sempre più pallida. Tra versioni urlanti, di loro, dei vinti e delle vittime, chi parla?

A volte sono i superstiti stessi che, allontanati dal contesto dove sono stati perseguitati e hanno subito violenze, diventano memoria vivente e raccontano. Altre volte si riconosce alle vittime, sempre tardivamente, un patimento, una sofferenza che suscita indignazione, commuove e solleva interrogativi. ‘Dove eravamo?’, ‘Come è stato possibile?’.

La guerra in Siria non è ancora finita e dopo il tredicesimo veto consecutivo in sede Onu, che mirava a una risoluzione di tipo umanitario per i civili di Idlib, continuano a cadere vittime. La disfatta delle forze di opposizione siriane ha contribuito alla polarizzazione del racconto, per cui per anni si è parlato solo del contrasto tra forze lealiste e terroristi del Daesh/Isis, consegnando all’oblio tutta quella parte di popolo che si opponeva all’uno e all’altro e che voleva solo una Siria libera, democratica, pluralista e laica. Intanto non si fermano gli arresti arbitrari tra coloro che sono stati rimpatriati forzatamente e restano in carcere migliaia di oppositori politici sottoposti a torture. Il tutto coperto dalla narrazione propagandistica del regime che canta la sua vittoria e tenta impunemente di negare e nascondere i suoi crimini. In questo le forze governative sono aiutate dai cosiddetti “dicta-tour”, viaggi di delegazioni internazionali che vanno in Siria a porgere il microfono al regime per contribuire alla sua riabilitazione sul piano internazionale e a fare da apripista per i fruttuosi appalti legati alla ricostruzione. Per loro le vittime e la loro tragedia possono restare nascosti tra le macerie.

L’inferno per l’Isis” e “Figlie di un Dio minore” sono due reportage di Amedeo Ricucci e Simone Bianchi che invece offrono un punto di vista diverso, scomodo, complicato, con cui nessuno vuole fare i conti. Sono stati girati tra il nord-est della Siria e il nord dell’Iraq e vedono protagonisti solo donne e bambini. Nel primo l’inviato della Rai entra nel famigerato campo di al Hol, in Siria, dove sotto il controllo delle milizie curde vivono oltre 70mila mogli, madri, sorelle e figlie di terroristi del Daesh, con i loro figli. Molte di loro sono straniere, ma ad eccezione di pochi Paesi come il Kosovo, nessuna nazione ha accettato di rimpatriare donne che verosimilmente hanno in qualche modo contribuito ai crimini, alle violenze, alle persecuzioni e alla distruzione commessi dai terroristi dell’autoproclamato califfato. Ai microfoni di Ricucci alcune piangono, invocano pietà, si dicono pentite, altre, invece, rivendicano la loro ideologia terrorista e minacciano chi non la pensa allo stesso modo. Ascoltarle è agghiacciante, è come se quel nero integrale che le ricopre dalla testa ai piedi sia penetrato persino nei loro cuori e nelle loro anime. Odiano e nutrono il loro odio di quella polvere e quella solitudine che le circonda.

È inquietante rendersi conto di come, nonostante l’evidenza dei loro comportamenti disumani, ai loro occhi i mariti, padri e figli sono da difendere. Viene da chiedersi che ne sarà di quei bambini che crescono con madri che hanno idee simili e che vivono in un contesto dove regna il nulla, dove la prospettiva di una vita diversa, fatta di vita, colori, speranza sembra impossibile. Nessuno ha una ricetta per gestire questa emergenza, ma non è lasciando queste persone nel limbo che il problema sparirà. Non bisogna poi dimenticare che tra queste donne ci sono anche le ‘spose bambine’ siriane e irachene costrette dalle famiglie a sposare un miliziano, o che sono state rapite, come è accaduto anche a centinaia di donne yazide strappate alla loro terra e alle loro vite con la violenza nel 2014, durante l’ennesimo genocidio del loro popolo. Queste donne, alcune erano ancora minorenni, sono diventate schiave sessuali dell’Isis, sono state vendute, comprate, trattate come merce e molte si trovano ancora una volta prigioniere ad al Hol, in questo campo fuori dal mondo. Anche di loro si parla nel primo reportage, ma è soprattutto il secondo documentario che dà voce a queste vittime. Della loro tragedia il mondo è venuto a conoscenza soprattutto grazie al coraggio e alla testimonianza drammatica di Nadia Murad, a cui è stato assegnato il premio Nobel per la Pace nel 2018, ma come spesso accade, ci si è presto dimenticati del loro calvario e della loro sofferenza ancora in atto. Molte tra le donne yazide che erano state rapite sono state liberate, ma sono state costrette, per diverse ragioni, ad abbandonare in Siria i loro figli, nati dalle violenze dei terroristi. Altre, come delle sepolte vive, sono ancora avvolte nei sudari neri in cui le costringono con la violenza le donne dell’Isis, che ad al Hol continuano con i loro comportamenti deliranti.

Nel campo di al Hol, dove il tasso di mortalità tra i bambini è molto alto, dove non mancano solo acqua potabile e farmaci, ma manca tutto ciò che può minimamente essere considerato umano, c’è un capitolo della storia in sospeso, un capitolo che nessuno vuole scrivere. I reportage di Ricucci provano a raccontarla questa storia, a sollevare il problema soprattutto di quei bambini, di quegli innocenti condannati per i crimini dei padri, che rischiano di diventare un nuovo bacino di fermento dell’odio e delle ideologie terroriste. Sono immagini e voci che arrivano come un pugno allo stomaco. Un pugno necessario per aprire gli occhi e chiedersi chi scriverà questo capitolo della storia e se davvero consegneremo alla futuro una pagina in cui sarà scritto che i figli nati dagli stupri e i figli di genitori con ideologie terroriste sono condannati a ereditare questa macchia che condizionerà le loro vite.

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 22 settembre 2019)



Articoli correlati

  Siria: “Gli attacchi intenzionali contro i civili sono crimini di guerra”
  Asmae Dachan. Siria, otto anni dopo
  Marco Lombardi. Sono solo ragazzini
  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Peppe Sini. Fermare le stragi nell'unico modo possibile
  Omar Santana. Il califfato affonda nel sangue
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  Garrincha. Buon appetito
  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  We are Orlando
  Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
  Roberto Malini. Grazie, Lucasz
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  Zoé Valdés. “Je suis Bangladesh et Bagdad”
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Asmae Dachan. Basta con terrorismo e giù le mani dall'Italia
  Asmae Dachan. #Siria: Isis e l’infibulazione dei cervelli
  “Da Senigallia a Kobane. Insieme ai Curdi”
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Marco Lombardi. Radici
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Omar Santana, il doppio sistema monetario e lo Stato Islamico
  Roberto Malini. La follia di sostenere Isis
  Mario Lucchini. Ma quale sicurezza?
  Un enorme pericolo alla diga di Mosul. Siano ritirate le truppe italiane
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Lidia Menapace. Guerre e bugie
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Al distributore
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Asmae Dachan. Isis e Assad: il tempismo del terrore per seppellire altro terrore
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
  Christian Flammia. “È in corso la terza guerra mondiale”
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Roberto Fantini. Bombe italiane utilizzate dall’Arabia Saudita in Yemen
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy