Venerdì , 19 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin. Io urlo la mia indignazione 
Da italiano che non si rassegna alla barbarie
05 Luglio 2019
 

La notizia di oggi –la barca a vela Alex Mediterranea salva 54 naufraghi stipati in un gommone in zona Sar libica, viaggia verso Lampedusa ed il ministro degli interni rifiuta l’approdo ricusandoli per dirottarli alla Tunisia– centra di nuovo il problema cruciale dell’immigrazione irrisolto dall’Europa insieme col problema politico dell’ordine in Italia: come accogliere i migranti irregolari e come metter ordine politico in Italia.

Un gruppo di giuriste italiane ha scritto una lettera che rimette ordine nell’atteggiamento capeggiato dal ministro degli interni sui respingimenti dei migranti. Il dissenso alzato dalle giuriste mi conforta giuridicamente con l’interpretazione del diritto già praticata dalla giudice di Agrigento Alessandra Vella sul caso della capitana Carola. Di più, il fatto che si sia costituito un insieme femminile per proclamare la dignità umana degli italiani mi toglie dall’insieme dei maschi che finora hanno taciuto.

Io urlo la mia indignazione. La urlo da italiano che non si rassegna alla barbarie. La barbarie popolare che aizza il ministro indegno di essere italiano a cose peggiori, la barbarie dei politici europei nerissimi come il blocco di Visegrad (i quattro Paesi volti a promuovere l’unità degli Stati Uniti d’Europa), capeggiato dall’ungherese Orban. Ecco: questo punto nero nel cuore dell’Europa concentra la barbarie delle antiche tribù dei Magiari, che hanno ancora le loro statue a Budapest. Vennero nel X secolo e spaccarono l’antica Zeneda in due cancellando il centro della città poco popolato con incursioni che durarono dal 900 al 950. Ritornarono civilizzati nel XV secolo al soldo di Pippo Spano per il re Sigismondo di Lussemburgo in guerra con Venezia: fecero cadere le mura che separavano le podesterie di Serravalle e di Ceneda durante l’armistizio 1412-1418 e riunirono per un po’ la città dentro un sistema che univa Feltre a Treviso (come si può constatare dagli affreschi del soffitto della cappella dei Battuti). Tornò Venezia con le due podesterie senza mura divisorie.

Adesso, l’ubbia degli Stati Uniti d’Europa è la bandiera nera di Visegrad, che dovrebbe venir bandita dall’Europa unita dei cittadini con una sola cittadinanza. David Sassoli prenda la bandiera stellata, metta l’accoglienza al centro a costo di perdere 4 o 5 stelle perché sono le stelle barbariche che negano le radici romano-cristiane. Per quanto riguarda la stella italiana, adesso offuscata da un’onda barbarica, io ricordo a tutti i nostri giuristi la nostra civiltà giuridica che è ben praticata dalle donne che si sono schierate per l’accoglienza. Ma, di più: ricordo il cuore politico della nostra Costituzione messo solo all’articolo 49. Questo diritto di associarsi chiede ancora la disciplina dei partiti politici in una legge sui partiti e sui movimenti che stabilisca il crimine per chi la violi. Poiché tutte le cittadine ed i cittadini dovrebbero avere l’opportunità di associarsi disciplinatamente in modo regolare, l’attuazione di questa direttiva ci darebbe un sistema che punisce ogni associazione irregolare senza necessità di provare altri crimini mettendo in carcere chi è mafioso solo perché viola l’organzzazione. Inoltre il sistema ordinato colpirebbe immediatamente gli amministratori pubblici che piegano le interpretazioni delle leggi alla convenienza di casi particolari, come quelli degli evasori fiscali. Infine, la legge sui partiti, arenatasi nella legislatura precedente tra Camera e Senato, colpirebbe i segretari dei partiti debitori verso lo Stato di 49 milioni e mezzo di Euro, come l’attuale ministro degli interni, che andrebbe in carcere per debiti fatti dai segretari precedenti e non sanati. Perciò urlo contro il disordine politico euro-italiano che non accoglie più nemmeno il diritto.

 

Carlo Forin


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy