Giovedì , 06 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > L'ultimo dei milanesi
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Le opere cinematografiche su Milano in guerra: i film 
di Mauro Raimondi
20 Giugno 2020
 

Come premessa a questa seconda puntata sulle opere cinematografiche riguardanti Milano in guerra bisogna ammettere che – purtroppo – manca una… Milano città aperta. Dei lungometraggi girati sulla città di quel periodo, infatti, nessuno è paragonabile al capolavoro di Roberto Rossellini.

Il quale, comunque, è il regista del film più conosciuto a riguardo, Il generale Della Rovere (1959), premiato con il Leone d’oro alla XXI edizione della Mostra di Venezia e tratto da un racconto di Indro Montanelli. Il lungometraggio, in realtà, è stato girato interamente a Cinecittà e le inquadrature milanesi sono state ottenute da uno schermo particolare su cui vennero retroproiettate le immagini di una città devastata dai bombardamenti tra piazza del Duomo, la Galleria e piazza della Scala.

La trama si svolge soprattutto nel carcere di San Vittore, anch’esso ricostruito perfettamente in studio. È lì, infatti, che il protagonista, Vittorio De Sica, vive la sua trasformazione morale: catturato dalle SS, gli viene chiesto di simulare un ruolo nella Resistenza per smascherare i partigiani rinchiusi in carcere, ma così forte diventa la sua identificazione con loro che preferisce essere fucilato dai tedeschi.

La Resistenza in città è raccontata anche dalla trasposizione cinematografica di un libro di Elio Vittorini, Uomini e no (1980). Il regista è Valentino Orsini, mentre Flavio Bucci recita la parte principale, il partigiano Enne 2, che agisce contro Cane Nero (Renato Scarpa), il capo dei repubblichini.

Il lungometraggio, che vede come protagoniste femminili Monica Guerritore e Ivana Monti, propone la cupa atmosfera che si respirava a Milano in quel periodo così come il film televisivo in due puntate Notti e nebbie (1984) di Marco Tullio Giordana. Ispirato a un libro di Carlo Castellaneta, ha come interprete principale Umberto Orsini, che veste i panni del commissario della polizia politica Bruno Spada. Freddo funzionario che assolve il suo compito di servitore del regime fascista, costui vede i suoi doveri professionali scontrarsi sempre più con i valori morali che ritiene di dover difendere.

Una città coperta di macerie è rappresentata in un’altra opera di Giordana, Sanguepazzo (2008). Il lungometraggio ha come soggetto la parabola dei divi di regime Osvaldo Valenti e Luisa Ferida (Luca Zingaretti e Monica Bellucci) e alterna le vicende intorno al 25 Aprile, quando i due si consegnano ai partigiani, con quelle degli anni precedenti, mostrando anche immagini storiche (come l’annuncio della dichiarazione di guerra o l’esposizione dei cadaveri di Mussolini e degli altri gerarchi in piazzale Loreto). Tra i personaggi appare il famigerato torturatore Pietro Koch, citato anche nella puntata riguardante i documentari.

La fine del fascismo viene raffigurata da Carlo Lizzani in Mussolini ultimo atto (1974), dove si mostra il cardinale Schuster (Henry Fonda, mentre il capo del fascismo è interpretato da Rod Steiger) tentare una mediazione per evitare combattimenti in città. Palcoscenico, brevemente e a inizio film, è una Milano inquadrata tra l’Arcivescovado e gli spettrali dintorni di un Duomo dove passa un tram che si ferma per lo sciopero generale.

Di sfuggita, la città appare anche in Il sole sorge ancora (1946) di Aldo Vergano, considerato il film neorealista sulla Resistenza. Dopo le sequenze iniziali del Naviglio, il protagonista Cesare (Vittorio Duse), rientrato a casa dopo l’8 settembre 1943, prende la via della campagna lombarda. Dapprima dibattuto tra l’amore per due donne, quando giungono i partigiani si unisce a loro e contribuisce a sventare il proposito tedesco di distruggere il paese.

Infine, si può segnalare Gli sbandati (1955) di Francesco Maselli, che come l’opera di Vergano è incentrato sulla necessità della lotta di Liberazione dopo l’armistizio dell’8 settembre. Nel lungometraggio si narra di una contessa, Luisa (Isa Miranda), che per sfuggire ai bombardamenti lascia Milano assieme al figlio Andrea (Jean-Pierre Mocky) rifugiandosi nella proprietà in campagna, dove vengono ospitati un gruppo di sfollati. Quando i soldati tedeschi uccidono l’operaia amata da Andrea (una giovanissima Lucia Bosé), il dramma delle singole persone amplifica il senso di tragedia degli eventi storici.


Articoli correlati

  Le opere cinematografiche su Milano in guerra: i documentari
  Giuseppina Rando. Sulla statua di Indro Montanelli
  Vetrina/ Michele Tarabini. La statua, la Storia
  Gordiano Lupi. La morte di Gualtiero Jacopetti
  Marco Lombardi. Un progetto per l'Italia: la pre-modernità
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Lucio De Angelis. Al Vittoria di Roma “Viva la dinamite”, una farsa di Montanelli del 1960
  “Milano e il cinema” a palazzo Morando
  Lucio Garofalo. Diario di un maestro
  Gordiano Lupi. Umberto D. (1952)
  Mauro Raimondi e Marco Palazzini. Milano Films 1896-2009
  Maria Paola Forlani. Antonio Ligabue
  Luca il contrabbandiere di Lucio Fulci (1980)
  Mattia Guastafierro. Giordana e Vicari: il cinema come momento di coscienza
  Gianfranco Cercone. “Nome di donna” di Marco Tullio Giordana
  All’Eliseo di Roma “Copenaghen” di Frayn per tre grandi della nostra scena Lojodice, Orsini e Popolizio
  L’Anticristo di Alberto De Martino (1974)
  Alberto Figliolia. Il figlio più piccolo di Pupi Avati
  Milano e la Mala: La mostra
  Le farò da padre di Alberto Lattuada (1974)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy