Martedì , 26 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. L’oro della Banca d’Italia regalato da Mussolini ad Hitler
17 Maggio 2020
 

Pur di mantenere il potere, dopo la sua defenestrazione dal Governo del 25 luglio 43, Mussolini, liberato dai tedeschi, accetta di essere, di fatto, schiavo di quel pazzo paranoico e sadomasochista di Hitler, e dà vita alla Repubblica sociale italiana. Tra le tante, note scelleratezze compiute da Mussolini a danno degli italiani, occorre aggiungerne un’altra, questa poco conosciuta: quella del trafugamento di 25 tonnellate di puro oro operata, col suo assenso, dai tedeschi dai forzieri della Banca d’Italia. Ma ripercorriamo i fatti.

Siamo nel settembre ’43. Il Governo Badoglio con Vittorio Emanuele III sono fuggiti a Brindisi. L’esercito italiano si sfascia. Un manipolo di soldati italiani, assecondati da civili armatisi tentano una generosa resistenza che si protrae dal 9 al 13 settembre, ma poi devono cedere. Roma è in mano tedesca. La Banca d’Italia detiene, in quel momento, una riserva aurea pari a 117 tonnellate, più le tonnellate rapite dal Governo fascista alla Banca nazionale Yugoslava e alla Banca nazionale d’Albania. L’interesse tedesco per l’oro è immediato. Senza qui voler ripercorrere le diatribe insorte tra funzionari della Banca d’Italia e i tedeschi, che di fatto ritardano la rapina, andiamo subito a conoscere, in estrema sintesi, il documento col quale si sancisce l’accordo siglato tra la Germania e la RSI:

«Tra il Governo della Grande Germania…ed il Governo della Repubblica sociale italiana…viene stipulato il seguente accordo: Il Governo della RSI dispone su l’oro libero della Banca d’Italia come segue:

1- Il Governo della RSI consegnerà al Governo della Grande Germania per le spese di rappresentanze diplomatiche italiane all’estero 100 milioni di lire in oro… che verrà amministrato in qualità di fiduciario da parte del Ministero degli affari esteri del Reich a Berlino…

2- Il Governo della RSI consegnerà al Governo della Grande Germania l’importo di 50 milioni di lire in oro effettivo che sarà inoltrato alla Deutsch Reichsbank…

3- Il Governo della RSI consegnerà al Governo della Grande Germania l’importo calcolato di oltre 260 milioni in oro sequestrato in JUGOSLAVIA…

4- Come contributo per la condotta della guerra il governo della RSI mette a disposizione dell’ambasciatore plenipotenziario della Grande Germania in Italia l’oro libero della Banca d’Italia… consegnati subito 1.000 milioni di lire in oro effettivo.

5- …Il Governo della RSI curerà affinché i sopra indicati quantitativi di oro siano consegnati al più presto a Fortezza agli incaricati dell’Ambasciatore e Plenipotenziario della Grande Germania in Italia.

Fatto a Fasano 12 febbraio 1944 in due originali lingua tedesca ed italiana».

Che dire? È evidente che Mussolini è ormai un fantoccio nelle mani di Hitler e che i repubblichini di Salò sono semplicemente schiavi dei tedeschi. Altro che onore, decoro, dignità continuamente sbandierati dai fascisti per giustificare la loro scelta scellerata! Nel procedimento di appropriazione dell’oro italiano vengono coinvolti Kappler, il maggiore Hass e il capitano Priebke.

Quell’oro tornerà in Italia nel dopoguerra ad opera delle truppe Alleate che erano riuscite faticosamente a recuperarle in Germania. Ma non tutto. Almeno 25 tonnellate risultarono sparite. Dove sono finite? Non lo sapremo mai. Tra le tante ipotesi formulate al merito, trovò una certa accoglienza quella che l’oro mancante fosse finito nelle mani di Odessa, la nota organizzazione nazista che aiutava le SS a rifarsi una vita lontano dalla Germania sconfitta. Insomma, per noi italiani, oltre al danno, anche la beffa. Dobbiamo ringraziare Mussolini ed i suoi seguaci anche per questo. Per fortuna, poco più di un anno dopo dalla data di quel documento teso a legalizzare un furto, la Grande Germania verrà schiantata dalle forze Alleate col contributo dei partigiani d’Europa e dai soldati dell’Armata rossa.

 

Sergio Caivano


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy