Domenica , 19 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Autonomia speciale ed Europa
Roma, 2012. Presidio in piazza Montecitorio della Gioventù Federalista Europea
Roma, 2012. Presidio in piazza Montecitorio della Gioventù Federalista Europea 
01 Marzo 2018
 

Abitando -come capita a me- a Bolzano ed essendo una vecchissima federalista europea, non è possibile non tener conto dell'Autonomia, se ci si occupa di Europa.

Poichè tutta la vicenda è stata marginale nel dibattito politico italiano, bisognerà ripercorrerla rapidamente e in modo sommario.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale l'Austria si ricostituì come “stato vittima del nazismo” e in questa veste fu presente alla conferenza di pace tenutasi a Parigi. L'Italia vi compariva come “paese vinto”, che poteva sottolineare la sua Resistenza, la maggiore tra gli altri stati europei. Per l'Italia ministro degli Esteri era Degasperi, che ottenne riconoscimento alle sue tesi, soprattutto da Churchill. La conclusione fu che Austria e Italia furono incaricate di trovare una soluzione che, non toccando il confine del Brennero, internazionalmente riconosciuto, desse alle popolazioni di madrelingua tedesca una autonomia nel quadro della regione. Il Trattato è scritto in inglese, lingua imprecisa e tradizione giuridica consuetudinaria, non formale, e ciò fu causa di numerose contoverse interpretazioni, soprattutto la parola “frame”, quadro sia di competenze, sia di territorio.

Veniamo ai nostri giorni, quando non sarà improprio dire che la questione dell'Europa come continente unito non sia attuale e molto confusa. Sono -come dicevo- da sempre una federalista europea, come i primi sostenitori d'Europa e ancora penso che l'Europa debba essere un territorio federato nella composita diversità politica culturale e religiosa dei suoi territori. A questo obiettivo fanno ostacolo i suoi stati nazionali tradizionali e nelle recenti acquisizioni, molto nazionaliste, come Polonia e Ungheria o apertamente filonazisti dei paesi del mare del Nord. Solo l'Italia, che io sappia, ha in Costituzione un articolo che propone riduzione reciproca e paritaria di sovranità nazionale tra stati europei. Con simile attrezzatura giuridica siamo legittimati a portare la proposta di una “EUROPA DEI POPOLI”, dunque una federazione di regioni mistilingui come esistono storicamente su tutti i confini degli stati: Baschi, Lorenesi, Alsaziani, Tirolesi, Catalani, Savoiardi, Sloveni ecc. ecc. Tutto qui, non sarà una cosa facile politicamente, ma giuridicamente ricca e matura.

 

Lidia Menapace


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy