Venerdì , 14 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Pagina 1347  -  Commenti da 13461 a 13470
Commento di Gianfranco Becchina aggiunto il 20.08.2006
Pur non potendosi definire una sorprendente notizia - per chi ha buona memoria di un passato legato alle tante complicità nelle prescrizioni sconsiderate di ogni genere di farmaci - la divulgazione della stessa è quanto di più saggio si possa fare. Aggiungo che con i fitofarmaci, in agricoltura, avviene qualcosa di simile, tanto da potersi ipotizzare che, con gli ovvî benestare di rito o, peggio, con il silenzio da parte di tutti gli organi di controllo, agricoli e sanitari, ogni trattamento disinfestante viene eseguito con prodotti che contengono, in aggiunta, i principi attivi dell'infestazione successiva. Purtroppo le ragioni dell'economia non sembrano, ovviamente, coincidere con il rispetto dell'uomo e, prim'ancora, della natura. L'industria chimica e quella bellica, si sa bene, rappresentano il filone principale dell'economia mondiale. L'una potrà sostenere di averci allungato la vita con gli antibiotici, l'altra di portare la pace nel mondo. In quello arabo-petrolifero particolarmente. Si potrebbe pessimisticamente concludere che è troppo tardi, oltre che utopistico, pensare di contrastare uno stato di cose ormai incontrollabile. Ma questo non aiuterebbe sicuramente. Complimenti.
Commento di Carlo Trotalli aggiunto il 18.08.2006
puoi stare tranquillo la dinastia dei savioa la popolarità se l'è guadagnata all'inferno con tutti i più grandi criminali della storia, e stà pure tranquillo che non gliela toglie nessuno.
Articolo di riferimento : Calcio, Savoia e scandali Rai: un grazie di cuore ai Magistrati
Altri commenti all'articolo [ 1 commento ]
Commento di Carlo Forin aggiunto il 17.08.2006
Cerere proteiforme: questa settimana, il 24 agosto, Cerere diventerà, probabilmente, pianeta dopo esser stato il primo degli asteroidi che sono tra Marte e Giove. Gli astronomi hanno precisato l'idea di pianeta. Il comitato esecutivo dell'Unione Astronomi Internazionale ha trovato l'unanimità per stabilire che un diametro di 800 chilometri è sufficiente a fare di un corpo celeste sferico che giri attorno ad una stella un pianeta.
Era Ceres Ferdinandinea dal 1801 l'asteroide.
Quanto altro tempo ci vorrà per riconoscere che Cerere romana era la Cerere legifera etrusca, ovvero Uni, protogiunone?
Possiamo dire, intanto, che tra Marte e Saturno ora ci sono due pianeti, e che Cerere fa compagnia a Giove.
Da asteroide è stata elevata a pianeta, pur essendo più piccola della nostra Luna.
Articolo di riferimento : Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
Altri commenti all'articolo [ 1 commento ]
Commento di sara aggiunto il 16.08.2006
nicola e' sempre un mito !
Le tv non capiscono un tubo se non gli fanno fare il commentatore
Commento di Gaetano Barbella aggiunto il 14.08.2006
Egregio Prof. Di Scalzo,
credo di fare cosa gradita a lei e ai suoi studenti trasmetterle quanto segue di assolutamente inedito:

IL SORPASSO DELLA SEZIONE AUREA
Di un ignoto sorpasso alla sezione aurea non se trova menzione nei testi scolastici e accademici della matematica: si tratta di una concezione geometrica che procede per via trigonometrica e trova riscontro con l’uso del «righello e compasso». Di questa cosa me ne sono occupato compiutamente ed ho scritto un breve compendio, «L’angolo aureo», insieme ad altri che vi derivano.
In questa sede riporterò le cose salienti a riguardo, rimandando i chiarimenti al testo suddetto che è stato pubblicato nel mio sito «il geometra pensiero in rete», http://www.webalice.it/gbarbella/angolo_aureo.html

«L’ANGOLO AUREO»
INTRODUZIONE.
Dell’angolo aureo, tema di questo breve compendio, se ne fa cenno nel libro di Italo Ghersi, «La matematica dilettevole e curiosa» edizione Hoepli, nel capitolo dedicato alla «quadratura del circolo», ma senza tanti approfondimenti, nel senso che non gli si attribuisce nulla di aureo da accostarlo alla nota «sezione aurea». Si tratta di un preciso angolo le cui funzioni trigonometriche del coseno e tangente danno luogo allo stesso valore che si approssima a quello del «quarto della circonferenza», uno dei diversi itinerari matematici empirici per arrivare allo scopo della ricercata «quadratura del circolo».
Ho definito aureo l'angolo in questione perché farò vedere che deriva dalla nota «sezione aurea» o «media ragione» che gli artisti del Rinascimento tenevano in gran conto per allestire in anteprima il soppalco strutturale delle loro opere.
In matematica, la «sezione aurea» o «media ragione» di un segmento AB, è quella parte AX che è media proporzionale tra l'intero segmento e la rimanente parte XB. In particolare si può definire questa concezione con la seguente espressione di calcolo:
AX : XB = (1+√5) : 2 = 1,618033989...
Se, poi, a 1,618033989... sottraiamo 1, otteniamo il relativo inverso, 0,618033988.
Detto questo, l'angolo aureo ora comincia a delinearsi se consideriamo il suddetto inverso della sezione aurea quale valore del seno relativo:
arcsen 0,618033988 = 38,17270763...°.
A questo punto siamo in grado di costatare che le corrispondenti funzioni trigonometriche del coseno e tangente risultano effettivamente uguali fra loro.
Infatti:
cos 38,17270763...° = 0,786151377...
tang 38,17270763...° = 0,786151377...
Di tutto ciò si può far capo, con l’uso di «righello e compasso», alla tav.01 di copertina per capire graficamente la geometria grazie alla quale si perviene alla configurazione, prima d’altro del segmento della «sezione aurea» e poi ai segmenti del coseno e tangente dell’«angolo aureo», che vi derivano. Questa geometria porta anche alla relazione col pentagramma che sarà argomento di trattazione verso la conclusione.
Sembrerebbe concluso ogni cosa sull'angolo aureo, essendo riusciti a trovare il relativo giusto valore, senza peraltro aver fatto nulla di speciale. Ma resta pur sempre da fare una cosa fondamentale: dimostrare con fatti geometrici a supporto della definizione di auricità, non solo dell'«angolo aureo», ma fare la stessa cosa per la «sezione aurea» che manca di altrettanto sostegno se non quello derivante dalla geometria del segmento.
A tale scopo comincio col mostrare diverse situazioni geometriche relative a particolari intersezioni di coniche per dar luogo alla configurazione dell'«angolo aureo» in discussione, nonché la «sezione aurea».

INTERSEZIONE DI UN CERCHIO CON UNA PARABOLA
Il cerchio e la parabola che si intersecano hanno i seguenti parametri:
1. Parabola canonica: coordinate fuoco (p/2,0); direttrice x = -p/2 .
2. Cerchio: raggio r = p/2; coordinate centro (0,0) coincidente col vertice dell'origine parabola con l'asse X.
3. Se P è il punto d'intersezione della parabola col cerchio, F il fuoco della parabola e Q la proiezione di P sull'asse x, l'angolo QPF è quello ricercato che risulta, dal calcolo, pari a 38,1727076...°.
4. Il calcolo è impostato sulla risoluzione di un sistema di due equazioni, quella della parabola, x²+y² = r² e del cerchio, y² = 2px.
5. La tangente del suddetto angolo di 38,172707076...° dedotto dai suddetti calcoli è 0,78615138...
6. In riferimento all'angolo, di cui la punto 3, che ho chiamato aureo, configurato nel triangolo rettangolo QPF, il lato PF di questi, che collega il punto di intersezione P al fuoco della parabola F, è 0,618033988..., che è anche il numero aureo reciproco, f–1, della serie di Fibonacci, quello della sezione aurea o media ragione!

INTERSEZIONE DI UNA PARABOLA CON UN ELLISSE.
Se l'intersezione di un determinato cerchio con la relativa parabola appropriata, come già visto, porta all'«angolo aureo», altre intersezioni di coniche portano allo stesso scopo. Così può essere facendo intersecare la parabola, prima considerata di coordinate fuoco (p/2,0) e direttrice (x = –p/2), con una ellisse di coordinate centro (0,0), segmenti a = p e b = p/2, per dar luogo, appunto, ad un'ascissa, y = 0,786151138..., che è, poi, il valore della tangente dell'angolo aureo in questione. Da qui la configurazione di un triangolo isoscele regolare il cui semiangolo ai loro vertici è, appunto, quello aureo. La peculiarità di queste figure piane derivanti è di avere i due lati obliqui ortogonali alla parabola su cui insistono. Le loro basi, ovviamente, riguardano l'ordinata derivante dalla suddetta intersezione delle due coniche. Altra peculiarità è l'altezza di queste due figure che è uguale alla p della parabola. Tutto ciò sancisce una legge geometrica a riguardo secondo cui qualsiasi triangolo isoscele, che ha i lati obliqui ortogonali alla parabola su cui poggia, ha l'altezza costante sempre uguale alla p della parabola...

Come già raccomandato, per il seguito ed altro sopra omesso (le illustrazioni), vedasi:
«il geometra pensiero in rete», http://www.webalice.it/gbarbella/angolo_aureo.html

Cordiali saluti,
Gaetano Barbella
Commento di Giampiero aggiunto il 11.08.2006
La traccia che hai lasciato nel testo con il nome di "Fierolocchio" sembra non lasciare spazio a dubbi di alcun genere: G.De Cataldo, "Romanzo Criminale"
Articolo di riferimento : Test amoroso - Parte IX
Altri commenti all'articolo [ 1 commento ]
Commento di frances aggiunto il 08.08.2006
Giusto, Roberto. Proprio lei, Josephine Hart, autrice de "Il danno", a raccontarci l'amore scandaloso fra un uomo di mezza età e la fidanzata del figlio. A suo tempo, un libro che piacque a critica e lettori. Ciao e scusa per la risposta tardiva, causa ... vacanze poco tecnologiche!
Articolo di riferimento : Test amoroso – Parte VIII
Altri commenti all'articolo [ 1 commento ]
Commento di Carlo Forin aggiunto il 06.08.2006
"Fra di esse Climene narrava l'inutile affanno di Vulcano, e gli inganni e i dolci furti di Marte, e dal Caos elencava i fitti amori degli dèi." Georgiche IV, 345-348.
Cito questo passo a prova che Climene era nel pensiero del compositore delle Georgiche.
Articolo di riferimento : Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
Altri commenti all'articolo [ 1 commento ]
Commento di Roberto aggiunto il 01.08.2006
Josephine Hart, Il Danno ?
Discreto libro ma film che non mi ha convinto più di tanto....
Articolo di riferimento : Test amoroso – Parte VIII
Altri commenti all'articolo [ 1 commento ]
Commento di isadora aggiunto il 30.07.2006
... bè l'unico film che calza a pennello ad una descrizione così minuziosa ed evocativa mi pare proprio "L'età dell'innocenza", uno dei più belli che abbia visto... il libro, poi, non l'ho più letto...
Articolo di riferimento : Test amoroso – Parte VII
Altri commenti all'articolo [ 1 commento ]


<< | < |  1341  |  1342  |  1343  |  1344  |  1345  |  1346  |  1347  |  1348  |  1349  |  1350  | > | >>

STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy