Lunedì , 04 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Cuba abbandonerà il doppio sistema monetario?
 
Commenti presenti : 13 In questa pagina : da 1 a 10
   04-06-2008
Ritengo che cambi poco la sostanza delle cose il fatto che un euro valga 1 peso convertibile oppure 1,40. Le considerazioni restano le solite. Condivido in pieno la necessità di andare ad alloggiare nelle case dei cubani, invece di arricchire il governo. Si può soggiornare bene e vedere la vera Cuba con 20 - 30 euro, ma in campagna si trova pure a meno. Certo, i nostri turisti da villaggio non sono abituati a fare le vacanze in mezzo a maiali, galline, zanzare... ma è il bello di Cuba e io ci vorrei tornare solo per assaporare certi odori e rivivere tante emozioni.

Gordiano Lupi
Gordiano Lupi   
 
   04-06-2008
«Si sbaglio, sarò il primo a riconoscerlo» – ho detto – e per tanto compio: eccomi qua.
Né Lupi, né io abbiamo ragione. Da novembre di 2004 la moneta convertibile ufficiale e il peso convertibile (CUC), paritario al dollaro statunitense (USD). A partire d’aprile del 2005 il CUC fu valorizzato di un 7% (non 20% come sbagliai a dire). Il cambio fisso è 1 CUC = 1,08 USD, per tanto, il cambio fra il CUC e l’euro dipende dell’andamento di questo ultimo rispetto al USD. Antonio aveva, e ha, ragione.
Mi sono fidato di un compaesano appena arrivato dall’Avana che mi aveva assicurato e riassicurato quanto scritto nel mio anteriore commentario. Mi sono fidato e non ho controllato come di solito fascio prima di pubblicare un commento.
Come vedete Massimo e io abbiamo varie cose in comune: tutti due apprezziamo i sigari e… tutti due possiamo essere «imbrogliati» da miei conterranei.
Mi scuso vivamente con tutti, specialmente con Antonio.
Leonardo Mesa   
 
   04-06-2008
Antonio ha ragione , il cambio a marzo e anche una settimana fa era di 1,40 cuc per 1 euro.
Comunque basta andare sul sito del Banco Metropolitano se si vuole avere la conferma.
non è assolutamente vero il cambio 1 a 1.
saluti
roberto   
 
   04-06-2008
Certo che ci vuole coraggio a scrivere un articolo del genere dopo 3 anni dall'ultima visita a Cuba!!!

Le cose cambiano rapidamente anche lì.

Il cambio era 1 a 1 perchè il dollaro era più forte verso l'euro rispetto ad oggi e, essendo il peso convertibile correlato al valore del dollaro, oggi il CuC si cambia intorno a 1,40 per ogni euro (esiste un differenziale di circa il 10% rispetto al valore dollaro-euro che è ultimamente intorno a 1,55)

Posso inoltre garantire a chi è veramente interessato a conoscere davvero Cuba, che se si esce dal solito tour organizzato che tocca le solite Varadero-L'Avana-Cayo Largo ecc., si può tranquillamente alloggiare e mangiare in centinaia e centinaia di case private con regolare licenza dello stato; si può utilizzare in diversi mercati e negozi il peso cubano, che viene cambiato in strada a 24-25 per un CuC , cosa che facevo personalmente nel mio ultimo viaggio a Camaguey a marzo 2008. Consiglio vivamente di soggiornare nelle case particular anche per aiutare lo sviluppo dell'economia dei cubani ; molto meglio che arricchire le grandi catene alberghiere straniere proprietarie dei 4 o 5 stelle che sono sparsi per tutta l'isola.

Concludo dicendo che le attività illegali come spaccio, prostituzione ecc. sono presenti a Cuba forse in misura minore che in Italia.

Rimangono ancora seri problemi legati al regime comunista( libertà di espressione , di voto) ma penso che la situazione possa man mano migliorare, soprattutto se Obama Sarà presidente degli USA, riaprendo il dialogo e ponendo fine ad un embargo senza senso lungo quasi 50 anni.



antonio   
 
   03-06-2008
Sì, speriamo davvero che la storia faccia chiarezza e soprattutto che non assolva nessuno.

Gordiano Lupi
Gordiano Lupi   
 
   01-06-2008
Articolo penoso, strumentale, senza la minima cognizione di causa, pieno d'imprecisioni e di volgarità. Se questa è la cosiddetta 'informazione libera', allora siamo messi male. Ma la storia farà chiarezza.
Deltoro   
 
   28-05-2008
Ringrazio Leonardo Mesa per la puntuale e precisa spiegazione. Tra l'altro non sono ferrato in economia (come Alarcon)e quindi ho bisogno di unn sostegno. Ammetto che preferisco la letteratura cubana come tema di dibattito. L'attesa fiduciosa esiste, ma - come dico nel pezzo - spero che il cambio di moneta non sia soltanto virtuale...

Gordiano Lupi
Gordiano Lupi   
 
   27-05-2008
Nessuna delle due monete cubane, né il CUP (Cuban peso), né il CUC (Cuban convertible peso) possono essere cambiate con l’andamento di nessun’altra qualsiasi moneta. Le monete cubane non hanno valore di cambio, perché è il dollaro è la moneta internazionale (Trattato Bretton Woods, 1944; operativo dal 1946) e, come c’è l’Embargo, Cuba resta automaticamente fuori. Se un messicano arriva con 100 pesos (MXN), li danno 6 euro; se arriva un cubano con 100 CUP, li dovrebbero dare 4 euro, invece non riceve niente. Se arriva con miliardi, lo stesso, li danno… niente. Per questo – e altri motivi – d’extraterritorialità lo chiamo Blocco.

Il CUC è una moneta d’unica circolazione interna per controllare il sistema monetario nazionale cubano.
Prima ci fu il dollaro statunitense a circolare liberamente con l’abissale differenza rispetto al CUP. Dopo fu introdotto il CUC che era cambiato pari al dollaro; finché il dollaro fu deprezzato artificialmente di un 20%, con la motivazione dei rischi a adoperare la moneta statunitense. In effetto, in quei tempi gli Stati Uniti avevano congelato varie riserve cubane in banche straniere. Il terzo passo fu fare il diretto cambio con l’euro. Perciò, Gordiano Lupi ha assoluta ragione; il cambio è 1:1.

Leonardo Mesa   
 
   27-05-2008
Mai visto fare il cambio secondo l'andamento del dollaro. A me hanno semrpe cambiato alla pari. Se adesso fanno come dice Roberto compiono il loro dovere. Speriamo che sia così. Non ho informazioni fresche sul tema, ma mi riferisco alla mia esperienza personale di tre anni fa.

Lupi
Gordiano Lupi   
 
   27-05-2008
Tutte le monete di nostri depredati paesi, sono sotto al dollaro statunitense e all’euro; non è novità. Ogni paese ad intentato mitigare questa situazione a modo suo. Brasil, preferì privatizzare, però l’inarrestabile depressione lo portò a cambiare il cruzeiro per il real-cruzerio, e dopo ancora per il real, che ha continuato la scesa. El Salvador, privatizzò ed scelsi il dollaro come moneta nazionale; e nonostante questa assoluta parità il paese è ancora al 103° posto di sviluppo umano, il 10% dei bambini piccoli sono sotto peso e il 25% sotto taglia, il 0,34% della popolazione emigra (Cuba 0,16%) e il 30% è in povertà assoluta. Non bastano economia e moneta forti per risolvere i problemi: ci vuole volontà e un sistema che la sostenga.
Non è risibile che la doppia moneta attrae turisti, è la verità: più debole è una moneta rispetto ad un’altra che circola assieme, meglio è per chi possiede la forte. È una logica economica, che ormai è stata contenuta prima con la introduzione del peso convertibile (CUC) e dopo con la sua esclusività nel uso.
Rispetto alle «tensioni e conflitti tra chi possiede dollari o euro e chi non ha» non ci sono voluti venti anni per capirlo. Previamente alle misure si discussi sui problemi e le disuguaglianza alla che si andava incontro; se spiegò che era l’unica possibilità per avere moneta forte e salvare almeno salute e educazione..
Cuba si sta recuperando grazie alla lungimiranza politica ed economica e, su tutto, allo stoicismo dei cubani. Nel 1993, il per capita era sotto ai 1500 dollari al anno, mentre per quest’anno si aspetta sorpassare i 6000. Il salario medio era di meno di 1,5 dollari; oggi è 20 (€17 EUR). All’epoca la relazione fra il dollaro e il peso era 1:150 (con picchi di 1:200; 1:250); oggi si mantiene stabile intorno a 1:20. Le riforme che si stano succedendo a Cuba non sono motivati per il nuovo presidente (che già era primo vicepresidente), se non a queste migliorie economiche.
La doppia moneta sparirà, annunciò Fidel e li ho creduto e credo ancora. Fece una previsione di 15 anni circa e non li ho creduto; invece, adesso mi devo ricredere.
Sono contento che pure lei, signore Lupi, attenda fiducioso.

Leonardo Mesa   
 
| 1 | 2 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy