Lunedì , 15 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
A. Torreguitart. Primo Maggio a Cuba
Dialogo tra un cittadino e un rivoluzionario
 
Commenti presenti : 9 In questa pagina : da 1 a 9
   05-06-2008
In un panorama italiano dominato da veri giornalisti manipolatori che parlano di Cuba in televisione, mi prendo del manipolatore perchè scrivo ciò che penso di un regime che ho smesso di mitizzare dopo aver toccato con mano. A che pro manipolerei la realtà? Mi pagherebbe la Cia?

Gordiano Lupi
Gordiano Lupi   
 
   25-05-2008
Signore Lupi, può odiare con tutte le sue forse Abel Prieto però poco importa, importa cosa pensano i cubani.
Non credo che lei non conosca la letteratura cubana. Non dico cose che non so. È stato lei a mettere in dubbio la mia capacità e conoscenza. La mia risposta fu semplice e innocua: se de complessità di stilo si parla, ho suggerito altri autori da farmi notare. Dopo di questo, non potrà negare che si deve citare un artista o uno scrittore sceglie di solito fra gli esuli; e per questo penso che per lei la cultura ha un colore ben preciso.
La prego, almeno una volta, di dedicare delle righe alle icone culturali rimaste fedeli alla Rivoluzione. Così renderebbe anche tributo a Tellusfolio un’eccellente piattaforma che lei usa spietatamente per manipolazioni politiche contro Cuba.

Leonardo Mesa   
 
   24-05-2008
Leonardo Mesa pensa che non conosca la letteratura cubana. Si vede che non mi conosce. Non leggo altro, da dieci anni a questa parte e apprezzo tutti gli scrittori che lui dice. Amo Carpentier, anche se è rimasto fedele alla rivoluzione. Nessuno meglio di lui ha saputo raccontare L'Avana (la città delle colonne) e chi narra la città più romantica del mondo deve fare conti con la sua prosa incantevole. Apprezzo perfino Cofino (L'ultima donna e la prossima battaglia) anche Vasquez Diaz (L'isola del Cundeamor), Enrique Oltuski (Pescando Recuerdos)... Amo Guillén. Volete uno più rivoluzionario di lui? Il poeta nazionale! Disprezzo l'Indio Naborì perchè è come il nostro Renzo Pezzani. Odio con tutto me stesso Abel Prieto perchè è noioso e incapace. Ho letto Paradiso e le poesie di Lima, ho letto parti della rivista Origines... E Virgilio Pinera dove lo mettiamo? La maledetta circostanza delle acque... Non dimentichiamo i contemporanei: Gutiérrez, Ena Lucia Portela, Leonardo Padura Fuentes, Reinaldo Arenas, Karla Suarez (Silenzi, La viaggiatrice)... Facciamo un passo indietro e troviamo un poeta straordinario come Heredia (leggete Il romanzo della mia vita di Fuentes che ve lo fa amare). In ogni caso lo stile di Cabrera Infante non è così leggero. Provi a rileggere L'Avana per un infante defunto. Poesia pura. Lasciamo perdere gli articoli anticastristi. Non mi interessano. Qui stiamo parlando di letteratura. E la letteratura non ha colore politico. Infante ha scritto anche The Lost City. Film poetico di Andy Garcia.. Potrei andare avanti tutta la notte a parlarle di letteratura cubana.

Gordiano Lupi
Gordiano Lupi   
 
   22-05-2008
Mi scuso per il ritardo. Non scherzavo, quando dicevo di stare male.
Si nomina Cabrera Infante; scrittore, critico, traduttore, editore e addetto culturale di Cuba a Bruxelles (1962-1965). Bravo, senza dubbi; però perché lui. Cosa ha in comune con altri “nominati”? Semplice: l’avere abbandonato Cuba (verso Londra, 1965). Non, non… questo non basta: si deve anche dichiarare contro il governo cubano; rinnegare, attaccare. E chi non lo fa, si lo fanno fare. Questo è il caso di Cabrera, che fu molto misurato nel parlare esplicitamente dei suoi divari con il governo cubano e, a questo punto, furono altri “insoddisfatti” di lui a sparlare… per lui. “Così funziona per gli artisti e scrittori cubani: finche non se né vano, finché non sparlano, non sono mai esistiti.
Signore Lupi, se interessato agli scrittori cubani, permetta suggerirle anche Carpentier, Vitier, Fernández Retamar, Eliseo Diego e Lezama Lima; tutti con stili più complessi di quello del grande Cabrera Infante.
Massimo, non sempre gli occhi servono per vedere, ci vuole di più: “L’esenziale invisibile per gli occhi”- ricorda il Piccolo Principe.

Leonardo Mesa   
 
   10-05-2008
ci vogliono gli occhi per voler vedere...
Massimo   
 
   07-05-2008
Il racontino è di una semplicità assoluta. Se avessi tradotto un pezzo di Cabrera Infante cosa sarebbe accaduto?
Gordiano Lupi   
 
   04-05-2008
Caro Esplora, sarebbe gentile di farmi notare il contenitore? Penso sarò in grado di capirlo: oggi mi sono alzato meglio.
Leonardo Mesa   
 
   04-05-2008
Il contenuto, caro Leonardo, è (talvolta, almeno) proprio il contenitore.
Non penso di sbagliare nel ritenere che, a parte il 'rivoluzionario', tutti gli altri questo racconto di Alejandro l'hanno capito benissimo.
Cordialmente
esplora   
 
   03-05-2008
Eccolo… arrivato l’aggiornamento narrativo del mio compatriota Torreguitart. Questa volta l’ho letto e riletto e non ho trovato l’essenza; perciò, l’ho “ririletto” e non ho trovato il contenuto. Buhhhh! Secondo me, le aspirine di questi ultimi giorni mi hanno fatto male. Questa sera però… mi prenderò delle pilloline blu con rum… per vedere se mi raddrizzano… il cervello.
Leonardo Mesa   
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy