Venerdì , 05 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Barbarah Guglielmana. Primo racconto
 
Commenti presenti : 3 In questa pagina : da 1 a 3
   17-11-2020
...il dolore di ieri, lo strazio di oggi
pina rando   
 
   14-11-2020
Il titolo PRIMO RACCONTO è un titolo inconsapevolmente iniziale, fu un iniziale comprendere un percorso da cui stava partendo il primo passo per una nuova strada di lei. Lei ero io, io ero lei, immagini riflesse. I racconti non saranno infiniti, ma saranno non fatti di tappe, ma fatti di piatti, sì di piatti con cui cuciniamo la nostra tavola.
Barbarah   
 
   13-11-2020
L'amica triste. È chi non lo è quando piove e l'acqua esce da tutti i buchi dell'anima?
È descritta bene questa amica, così bene che sembra d'averla davanti. Borbotta coi tuberi, forse abituata a parlare con parti sepolte di sé, muove appena l'aria forse perché è sul punto di spezzarsi alla prossima corrente. È ben disegnata ma non domata dalla linea stirata dei vestiti.
Tre cose mi piacciono di lei: beve un sorso di vino e si scioglie in una lacrima (vedo autenticità), il rossetto rosso che mi sembra simbolo indiscutibile di potenza seduttiva di chi sa che tornerà a baciare, ed infine le perle opache, non credo finte, piuttosto di fiume, non generate nel ventre molle dell'ostrica, ma levigate dall'acqua fredda e dai sassi.
Ma più di tutto mi piace il movimento, il cambiamento continuo che si percepisce tra le due amiche che sembra non abbiano paura della precarietà delle cose, ci familiarizzato, dice infatti l'autrice del pezzo "così come il racconto della nostra vita, ogni volta il resoconto cambia, si modifica, è un altro".
Il Silenzio, ad in certo punto, diventa protagonista assoluto. Ma il dialogo continua su altri fronti. Parlano i muri, l'aria è satura delle loro confidenze ed anche le patate raccontano della loro precarietà.
Vedo infine l'amica andarsene via. Mi pare leggera, ma di una leggerezza nuova e la sua terra è fertile. I vermi non danno ribrezzo, ma sono l'humus da cui germogliera' quella terra.

Complimenti all'autrice per questa descrizione così densa e viva. Se è frutto di fantasia, è un meraviglioso volo, se è realtà, ci tenga aggiornati su che fine farà l'amica triste con le perle di fiume....ormai siamo curiosi!



Azzurra Alicante    
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy