Sabato , 24 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Morire a Milano di povertà, indifferenza e freddo
 
Commenti presenti : 6 In questa pagina : da 1 a 6
   20-12-2018
I poveri esistono in tutte le città, sono numerosi e vivono in media trent\'anni meno dei cittadini più fortunati. Le istituzioni li relegano ai margini e hanno fissato regole inumane riguardo alla loro accoglienza, che in ogni ricovero può durare una settimana, quindici giorni... Poi se ne devono andare, in cerca di un altro rifugio, senza possibilità di mettere radici in un posto e uscire da una condizione disperata. Fanno fatica ad accedere alla sanità e ai servizi sociali e spesso muoiono proprio per questo. I pregiudizi, il \"cattivismo\", la criminalizzazione della carità, l\'egoismo di chi non è indigente li condannano ogni giorno.
Roberto Malini   
 
   19-12-2018
“la qualità della vita “ che Milano si vanta di offrire ai propri abitanti è stato sempre un falso,
“la buona qualità” della vita a Milano non è mai esistita.
La “Milano da bere “ è un’espressione giornalistica, uno slogan pubblicitario degli anni ottanta creato per l’Amaro Ramazzotti.
I poveri a Milano oggi esistono e numerosi . Lo rivela l’ultimo rapporto della Caritas Ambrosiana e lo stesso sindaco Sala: “cinque milioni di milioni di persone in “povertà assoluta”, di cui un milione 200 mila bambini e altrettanti giovani, quasi dieci milioni in “povertà relativa”





Gio Ra   
 
   18-12-2018
Sì, caro Carlo, accorgersi di ciò che si svolge intorno a noi e che contempla tanto dolore, tanta ingiustizia è il dono di chi non è distratto da desideri e valori impermanenti e futili. E contemporaneamente, è una responsabilità che chiede di non restare ad assistere, ma di agire.
Roberto Malini   
 
   18-12-2018
Morire in una grande città che si vanta della propria "qualità della vita" non è più vergognoso che morire in un luogo magari anonimo o sconosciuto ai più, ma questo essere umano è morto a Milano e non in un'altra parte del mondo. Definire è il principio primo del ricordare e nell'indistinto memoria e impegno si stemperano in una nebulosa indifferenza. Ognuno può fare tanto, con impegno e sacrificio, con generosità e capacità di rinunciare al proprio in nome di un valore che è più importante di un capriccio e anche di molte apparenti necessità: la vita degli altri, la dignità degli altri. Ognuno può essere tanto, se oltrepassa i confini del proprio ego.
Roberto Malini   
 
   17-12-2018
...morire di freddo e fame a Milano dovrebbe forse essere più " vergognoso " che subire la stessa morte in qualsiasi paese dell'Italia e del mondo ?
La povertà ogni giorno miete vittime volutamente ignorate dall'ottusità della politica mondiale e dal folle scialo di risorse causato da guerrafondai. Cosa possiamo fare noi, piccoli sconosciuti o semplici pedine di uno scacchiere molto più vasto di fronte a queste tragedie ? Certamente possiamo condannare certa globalizzazione fatta solo di interessi , ma non possiamo esimerci dai piccoli atti di giustizia e carità nei confronti di chi è accanto a noi e che forse sarebbe contento di possedere anche solo ciò lasciamo sulle nostre tavole ...
Pina Rando   
 
   17-12-2018
resta l'umanità almeno del accorgesene e di commentarla.
Carlo Forin   
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy