Domenica , 29 Novembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Stefania Cantatore. Noi scudi umani, noi donne di Napoli
La ministra salvata dalla camorra. Le recentissime parole del Premier sono l'ennesima offesa a Napoli ed al sud
 
Commenti presenti : 2 In questa pagina : da 1 a 2
   07-06-2011
Grazie Stefania, grazie UDI di Napoli e grazie Napoli. Ottima analisi come sempre. Vorrei aggiungere qualche osservazione, anche come esperto di sanità pubblica, che mette in relazione fra l'altro il discorso sui rifiuti e quello sul nucleare.
Si tratta come tu dici giustamente, di modificare gli stili di vita e, al tempo stesso, il modello di sviluppo e il modello dei consumi: tutto è interconnesso e da lì non se ne esce, con nessun tipo di delega o scorciatoia, più o meno furbesca. L'altra sera ho seguito attentamente la trasmissione “annozero”, in cui peraltro queste cose non sono venute fuori con molta chiarezza. Devo ammettere che quella canzone-video sull'Apocalisse di Celentano era veramente bella, di una forza emotiva davvero travolgente; anche se i suoi “interventi”, pasticciati e dilettanteschi come al solito, non erano che l'eco confusa di un ragionamento (peraltro corretto). È vero, come diceva lui, che invece di puntare sulle macchine (tipo gli inceneritori che producono diossina ed altre sostanze tossiche) bisognerebbe puntare (come sembra voglia fare de Magistris) sul fattore umano, che è sicuramente decisivo. Ma poi non è stato chiarito che questo fattore umano consiste appunto in un nuovo approccio fondato sul risparmio energetico e sulla lotta agli sprechi, proprio per non aver bisogno del nucleare (che si basa invece sul presupposto giudicato ineluttabile, del consumo sfrenato e degli sprechi più clamorosi -principalmente in funzione del profitto dei gruppi industriali). Il “picco di consumo di energia delle sette di sera” di cui blaterano Battaglia, Testa e i nuclearisti, non è una realtà ineluttabile, cui arrendersi per sempre, in saecula saeculorum.
È proprio necessario infatti tenere i riscaldamenti d'inverno e le arie condizionate d'estate accesi a livelli stratosferici (oltretutto dannosi per la salute) in tutti gli edifici pubblici e privati? È proprio necessario tenere giorno e notte luci computer telefonini e tutti gli altri elettrodomestici e strumenti accesi e collegati alla rete elettrica? E lo spreco incredibile di carta, di acqua (docce chilometriche, rubinetti accesi per ore) ecc.? È proprio necessario avvolgere qualunque minimo oggetto o merce che si acquista di due, tre, persino quattro involucri di plastica, più il sacchetto? È proprio necessario buttare in giro dovunque tonnellate di bottiglie di plastica e altra immondizia in mare o nei boschi o persino nelle strade di campagna? Perché non insegnare fin dall'asilo ai bambini (magari nel contesto più generale di una robusta ripresa dell'insegnamento dell'educazione civica) a fare la raccolta differenziata in maniera precisa e scrupolosa, ed investire sulle fabbriche di riciclaggio di carta vetro plastica ecc., e sul compostaggio dell'organico da utilizzare nei campi per l'agricoltura biologica? È proprio necessario, come fa il nostro sciagurato governo cialtrone e incompetente, “tenere i conti in ordine” sacrificando in primo luogo la scuola, la cultura e la ricerca (che invece viene incentivata altrove proprio per sviluppare nuove tecnologie alternative -oltre ad applicare estensivamente quelle che già ci sono- in modo da poter evitare di infognarsi nel nucleare)?
E tutto ciò andrebbe poi integrato con l'educazione sanitaria e la promozione capillare degli stili di vita sani, dalla dieta all'incentivazione dello sport (andare a piedi e in bicicletta al tempo stesso farebbe risparmiare energia da fossili e ridurrebbe l'inquinamento). Senza contare che, più alto è il livello di salute e d'istruzione di una data popolazione, maggior sono i risparmi (anche energetici) grazie al suo non gravare sul sistema sanitario ed al suo essere d'aiuto, invece che di peso, alla collettività.
Mi scuso per la pesantezza, ma erano solo alcune riflessioni a ruota libera
Cari saluti
Paolo Crocchiolo   
 
   03-06-2011

Brave!

Lidia Menapace   
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy