Sabato , 19 Aprile 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alice Pagès: Quaderno dell'ultimo piano (III)
Alice Pagès
Alice Pagès 
24 Ottobre 2008
 

32

Signora mia, non mi lamento solo del male che i vostri begli occhi hanno avuto la bontà di farmi; mi lamento ancor più della crudele sofferenza che provo a non vederli. Avete lasciato nel mio cuore, quando me ne sono andato, un'idea arrogante che, col pretesto d'esser nata da voi, si vanta d'aver potere di vita o di morte su di me...” Cyrano de Bergerac

 

Ho ragione nella mia scoperta che tutto quello che si poteva scrivere sull'amore c'è già... E' solo che non lo sapevo io. O forse non sapevo amare così... chissà...

 

33

Vittorio, il mio giocoliere che al posto dei birilli bianchi fa volteggiare in aria cuori pulsanti… è molto bravo e non li farà cadere… ops …ne è appena scivolato uno e... si è rotto!!

 

34

La mia rosa senza spina”... ho sognato a occhi aperti storie di fate, regine, principi e re; di amori felici e eterni... Poi schiocco le dita e mi raccolgo sul pavimento.

Questo sentimento che non sta né in cielo né in terra e che non riesco a definire… mi fa incancrenire.

 

35

Il risveglio senza te. Che cosa mi diresti, Vittorio,… se tu fossi qui? Che non devo prendere il caffè a letto e che queste lenzuola azzurre non ti piacciono perché non evidenziano l’abbronzatura della mia pelle?...

Probabilmente non distinguerei la luce dal buio, le tue lettere sul mio viso, sul mio seno, tra le mani, più avvolgenti di qualsiasi stoffa e passo per ore e ore le dita sopra quelle parole con l’inchiostro nero che affonda nel foglio e mi parlano di te. “Ti accarezzo, ti proteggo e da lontano ti difendo amore”. Parole che come musica oltrepassano il limite umano della comprensione, come una collana stretta attorno al collo che beatamente ti soffoca. Stregata da colui che ha scritto ciò e che vivrà a lungo tra sogno e realtà. Confusa. Paralizzata. Persa.

O impazzire di gioia se tutto ciò si avverasse o impazzire di dolore se tutto ciò finisse, queste le alternative del mio vivere che di fatto confluiscono nella stessa soluzione: impazzire comunque.

 

36

Mi addormento con pensieri prepotenti che riguardano Vittorio… e mi vergogno. Vorrei scrivere altro, ma ho il guscio troppo forte e non si rompe…

 

37

“Ti porgo un bacio vero, cavalcando l’arcobaleno che rammenti, perché so che capirai, e forse già lo sapevi, che Cyrano de Bergerac, posata la penna e la spada, a volte si guarda allo specchio per vedere senza infingimenti la sua deformità”.

Strano mi sono immaginata uomo e uomo come Cyrano.

Sono un Cyrano femminile? Sono deforme?... Vittorio-Roxane cosa darei per essere al tuo posto! Per essere io la destinataria del “Quaderno dell’ultimo piano”.

 

38

Il mio cuore non si spezza, è di caramello. Vittorio è il pinolo sul mio cuore, ci mancava, ora è perfetto, l’aritmia è sparita, darà battiti dolci in tutta bellezza e profonda gustosità, si può dire? riguardo alla vita. Il nero delle giornate o i pensieri tristi niente possono contro un cuore di caramello guardato da un pinolo protettivo.

 

39

        Risveglio all’ultimo piano

Mattino dalle luci audaci

sul complice cuscino senza voce

(che resse l’affanno dei finti baci)

consegna il ricamo punto e croce.

È assurdo! userò lo scudiscio

recito: sull’amore sognato e perso

niente è andato liscio.

Vittorio amor solo asperso.

 

40

Tardi. Vorrei vederti ed essere vista ai bordi di una piuma che ti solleticasse alla gioia e dove ogni oggetto s’innamorasse di te. Starei in silenzio con la luna sulle ginocchia a carezzare il buio a levigare l’intatta dedizione verso occhi luccicanti e febbrili, un poco come fanno le sentinelle quando non reggono più il tormento delle ore. Dell’attesa.

 

41

Mi chiedo di Vittorio. Non so dov’è finito.

Forse è stremato e anche un po’ frenato. Vorrebbe davvero corteggiarmi con qualche piccola licenza, ma le ragazze da Stil Novo Matto, (che vengono giù giù giù dalle storie di Carrol, e anche se mi chiamo Alice non sto in un mondo rovesciato di senso da dove tornare), sono discretamente imprendibili, caste, lunatiche appunto, e pericolosamente attraenti.

Vittorio credo, insomma, non sappia come agire.

 

42

        Alice il 18 settembre

 

Porpora di fine settembre.

S’apre l’effusione dello sguardo

Sull’azzurrata profondità (occhi

umidi come colline stasera)

dove parlo con te che non ci sei.

Il tempo disfa le corolle

nel giardino, le dita

le ciocche dei capelli.

Lieta frenesia

quest’attesa

della notte di cui

sono sposa

di cui sei fratello.

 

43

        Alice il giorno dopo

                                    

Si flette la sera come carta colorata

nelle mani della bambina.

Insetti domestici cercano le dita

scambiandoli per fiori

che a notte esalano profumo

per Vittorio lontano.

È bellezza questa nel tempo

lucido dello sguardo

dove sempre ti vedo

dove non sei? È la nostra bellezza

prigioniera di settembre

fra colline e mare?

 

44

Voglio te più che la luna

sul guanciale e mentre imbruna

struggimento perché m’annerisci le ali?

 

45

“L’erba conserva la corsa della volpe, il suo afrore, e lo scatto felino verso la tana. Sera di settembre. Si scioglie il fondale del bosco e la mandorla degli occhi segue la scia rossa dell’animale tanto elastico tanto indipendente da abbandonarsi alle prime foglie secche al nulla di sé nel sonno fra poco.

Anche l’uomo riporrà a breve nella stanza la lettera scritta per Alice e si guadagnerà il varco verso le sue braccia, di più il suo seno, di più il suo respiro affannato, di più la sua sincerità assoluta nello scomparire nel corruccio della notte fonda.

La vita stessa della volpe che dorme, dell’uomo che non trova pace, della donna che si è tolta l’ultimo indumento come se lo porgesse allo sguardo dell’uomo che ama, stanno nella piega infinitesimale tra l’alfa e l’omega di un racconto da scrivere.

Vedi? A pensarti mi capita di scrivere queste misteriosofie”.

E hai il coraggio di chiedermi di vivere senza te?

 

46

E poi che vuoi che sia un bacio e poi un altro ancora e sentire che le lingue s’intrecciano e che la pressione dei seni sul petto diventa forte, che il respiro accelera, che le carezze diventano si moltiplicano, che slacciano, frugano, violano stoffe ed elastici, che tutto diventa uno come il dipinto con il colore, come la cera con le dita dello scultore, come la gomma da masticare con i denti, come l’acqua con la gola, come il vento con la bambagia, come le note col pensiero… che vuoi che sia, rinunciare a questo?

 

47

Che vuoi che sia…” l’ho scritto come un gioco del rovescio, in realtà è tutto, pensarci in questo momento (anche dopo questo lunghissimo tuo silenzio, mentre sei irraggiungibile dalla mia scrittura, e a telefonarti, a sentire la tua voce e non poterti abbracciare, non ce la farei… non credi che abbia pensato a chiamarti o no!) e ieri e domani, non esiste l’amore senza che la scia non sia il richiamo ai baci e alle carezze e alla pressione di un corpo sull’altro…

 

48

        Ricordino pisano

   

Mi vieni incontro

ciglia l’umido velo

vibrano del sorriso.

L’acqua precipita

nella cascata

appena a lato

del calendario estivo

 

49

Notte. Cielo sistematico di stelle sopra la testa. Rami ai vetri delle finestre. Cascinali sulle colline. Veloci presenze fra l’erba. Formicola un nome lontano. Quale notte replicherà i tuoi passi nel preludio del mio sonno?

 

Ancora ancora ancora

Seme seme seme

 

Alice Pagès

 

 

Il Quaderno dell'ultimo piano” di Alice Pagès comparirà con altre prose poetiche sull'Annuario Tellus 30 in uscita nel novembre 2009.


Articoli correlati

  Alice Pagès: Il Dio per me adatto. San Valentino per Vittorio Della Croce
  Guido Hauser: Alice Pagès. Tra Cornetto Algida e Romanticismo.
  Maria Lanciotti: Giostra del bastardo amore
  Alice Pagès: Sopra la testa ovvero commenti sul “Tempo doppio del Drago..."
  Alice Pagès: Tempo doppio del Drago in maschera doppia
  Alice Pagès: La mia stagione Kitsch
  Alice Pagès: La settimana agostana della lontananza irrimediabile
  Alice Pagès: Adamo mio ramo
  Alice Pagès: Risposta in ritardo a Fiorenza su "Letteratura-Mio amore-Mio Dio".
  Claudio Di Scalzo – Francesco Fabiani: Imitare Alice Pagès? Che letteratura è questa?
  Alice Pagès: Giorni tra primavera e estate, tra fioritura e frutto.
  Alice Pagès: Sognando Socrate in pigiama a fiori
  Alice Pagès risponde al lettore Michelangelo Marzi
  Claudio Di Scalzo: Sul volto e corpo in scrittura-web di Alice Pagès
  Alice Pagès: Diario dall’auto su strada piovosa
  Alice Pagès: Trittico della penitenza e della salvezza
  Alice Pagès: Quaderno dell'ultimo piano (I)
  Vittorio Della Croce - Alice Pagès: Lettere con dipinto: Johann Christian Clausen Dahl.
  AlicePagès - Albero nell’immobile vento vile in tempo
  Alice Pagès: Risposta alla mia lettrice Luisa sull’amore per Vittorio
  Dizionario casuale dei pittori dimenticati: Moritz von Schwind per Alice Pagès (13)
  Alice Pagès: Lezione in presa diretta. Racconto breve.
  Alice Pagès: Modulazioni sull’uomo mio che passa.
  Alice Pagès: Quaderno dell'ultimo piano (II)
  Imitando sorella Alice Pagès. Nude spalle, nuda scrittura, nuda poesia. By “Anonima fiorentina”.
  Brividi di Simone per Alice Pagès. Che risponde “Sulla paura”.
  Alice Pagès: Doccia a Salisburgo.
  Alice Pagès: Abisso domestico in dieci scalini.
  Claudio Di Scalzo: ABC sulle “scritture” di Alice Pagès in risposta ad Antonella V.
  Claudio Di Scalzo - Livio Micheli: La "Passione" di Alice Pagès tra scrittura e amore
  Alice Pagès: Petali in bocca invece del cornetto Algida
  Alice Pagès: Manuale di volo
  Alice Pagès: Filastrocca della palma nella burrasca
  Alice Pagès: Hebel in scia di luna
  Guido Hauser. Breve intervista a un aspirante suicida
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 87.5%
No
 12.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276