Venerdì , 20 Aprile 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblň cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
(Foto EFE/Alejandro Ernesto)
(Foto EFE/Alejandro Ernesto) 
28 Novembre 2017
 

Raúl è il presidente perché così ha deciso Fidel. Per lui era una persona mediocre, senza preparazione e senza carisma, ma assolutamente leale, una virtù che i paranoici apprezzano sopra a tutte le altre, perciò gli ha costruito una biografia per trasformarlo nel suo scudiero

 

 

È passato un anno dall’annuncio della morte di Fidel. Sembra un secolo. Per più di un decennio, dal 26 luglio del 2006 fino al 25 novembre del 2016, ha vissuto con un piede nella tomba. Questa agonia al rallentatore è stata molto utile al fratello Raúl. Gli è servita per abbarbicarsi alla poltrona presidenziale e per far sì che i cubani si adattassero al suo controllo, mentre lui si rinsaldava nel potere e trovava persone di fiducia.

Raúl è il presidente perché così ha deciso Fidel. Per lui era una persona mediocre, senza preparazione e senza carisma, ma assolutamente leale, una virtù che i paranoici apprezzano sopra a tutte le altre, perciò gli ha costruito una biografia per trasformarlo in suo scudiero. Lo ha trascinato nella rivoluzione. Lo ha fatto Comandante. Lo ha fatto Ministro della Difesa. Lo ha fatto vicepresidente e, infine, gli ha lasciato in eredità il potere dando inizio alla dinastia dei Castro.

Da allora Raúl governa nel suo ambito familiare. Con sua figlia Mariela, una sessuologa irrequieta e linguacciuta. Con suo figlio, il colonnello Alejandro Castro Espín, formato nelle scuole di intelligence del KGB. Con suo nipote e guardia del corpo Raúl Guillermo Rodríguez Castro (figlio di Déborah). Con suo genero o ex genero (non si sa se sia ancora sposato con Déborah o se abbiano divorziato), il generale Luis Alberto Rodríguez López-Calleja, comandante di GAESA, la principale holding militare cubana.

Lo stesso Raúl perse la fiducia nel sistema negli anni ottanta del secolo scorso quando spedì molti ufficiali in centri europei per apprendere tecniche di gestione e marketing

Queste sono le persone che governano insieme a Raúl, ma hanno tre problemi gravissimi. Il più importante è che a Cuba sono rimasti davvero in pochi a credere nel sistema. Sessanta anni di fallimento sono troppi per conservare la fede in questa assurdità. Lo stesso Raúl perse la fiducia nel sistema negli anni ottanta del secolo scorso quando spedì molti ufficiali in centri europei per apprendere tecniche di gestione e marketing.

Perché i militari cubani dovevano padroneggiare queste discipline? Per realizzare il “Capitalismo Militare di Stato”, unico e devastante apporto intellettuale cubano al postcomunismo. Lo Stato si riserva le 2.500 imprese medie e grandi del sistema produttivo (hotel, banche, fabbriche di rum, birra, cementifici, aziende siderurgiche, porti e aeroporti, ecc.) condotte da militari o ex militari di alto rango. Quando non possono sfruttarle direttamente per mancanza di capitale o di conoscenze, si uniscono a un imprenditore straniero a cui offrono ottimi profitti e che controllano, questo sì, come il peggiore dei nemici.

Nel contempo, ai cubani è proibito creare grandi aziende. Devono limitarsi a piccoli spazi di servizio (ristoranti), a fare pizze, friggere crocchette, o friggere sé stessi per fare i tassisti. A loro è vietato accumulare ricchezze o investire in nuove attività, perché l’obiettivo non è che gli imprenditori impieghino il loro talento e ottengano i guadagni, ma che assorbano la mano d’opera che lo Stato non può sfruttare. A Cuba, al contrario che in Cina, arricchirsi è un reato. Vale a dire, il peggio dei due mondi: lo statalismo controllato dai militari e il micro capitalismo legato mani e piedi.

I partiti comunisti sono segregati da una dottrina, il marxismo, che nel perdere ogni significato trasforma il PC in una questione puramente rituale

Il secondo problema è che il Partito Comunista non significa nulla quasi per nessuno a Cuba. In teoria, i partiti comunisti sono segregati da una dottrina, il marxismo, che nel perdere ogni significato trasforma il PC in una questione puramente rituale. È ciò che successe nell’URSS. Siccome nessuno credeva nel sistema, il PC venne liquidato con un decreto e 20 milioni di persone si ritirarono nelle loro case senza versare una lacrima.

Il terzo è che Raúl è un uomo molto vecchio, di 86 anni, che ha giurato di ritirarsi dalla presidenza il prossimo 24 febbraio, anche se probabilmente rimarrà nascosto nel Partito. In ogni caso, fino a quando vivrà? Fidel è durato 90 anni, ma è sufficiente leggere i suoi scritti degli ultimi anni per comprendere che aveva perso molte facoltà. Il maggiore dei maschi, Ramón, morì a 91 anni, ma da diversi anni soffriva di demenza senile.

La somma di questi tre fattori prelude a un finale violento per il castrismo, magari a spese di qualche militare, salvo che l’erede di Raúl Castro (ufficialmente Miguel Díaz-Canel, primo vicepresidente, ma potrebbe essere qualcun altro) non opti per una vera e propria apertura politica e smantelli il sistema in modo organizzato per evitare che lo abbattano e che le macerie crollino su questa fragile struttura di potere.

Per queste necessità servono i processi elettorali, ma i raulisti si sono già fatti carico di bloccare il centinaio di oppositori disposti a partecipare ai prossimi comizi, mentre si rifiutano di ammettere la consulta proposta da Rosa María Payá, la figlia di Oswaldo Payá, un dirigente assassinato per aver chiesto ciò che oggi, coraggiosamente, reitera la ragazza. Insomma: Raúl darà al suo successore uno scossone terribile. La dinastia morirà con lui.

 

Carlos Alberto Montaner

(da 14ymedio, 19 novembre 2017)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Garrincha. Castroriflessioni
  Gordiano Lupi. Fidel Castro č vivo
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Smentite nuove voci sulla morte di Fidel Castro
  Fonti cubane parlano di Fidel Castro in fin di vita
  Fidel Castro? “Č lucido e sta lavorando molto”
  Reinaldo Escobar. L’ultima morte di Fidel Castro
  Fidel Castro č vivo e posa accanto a Lula
  A. Torreguitart Ruiz. Buon compleanno, Fidel!
  “Fidel Castro vivrŕ 140 anni, nonostante la malattia”
  Fidel Castro tra cinema e realtŕ
  “Fidel Castro in fin di vita”. Ma č solo una voce diffusa su Twitter...
  Gordiano Lupi. Fidel Castro č vivo e vegeto
  Fidel Castro compie 85 anni
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Ottantasette e non li dimostra
  Dissidenti cubani e mistificazioni italiane
  L'aggressivitŕ americana alla prova di Libia e Siria
  Fidel Castro presenta le sue memorie
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  Wendy Guerra. Vivo all’Avana
  Gordiano Lupi. Fidel Castro e le “Riflessioni” bonsai
  Gordiano Lupi. Maledetto sigaro (2000)
  CubaDebate pubblica foto recenti di Fidel Castro per smentire voci sulla sua morte
  Wendy Guerra. Benvenuti nel capitalismo selvaggio
  Gordiano Lupi. Della morte di Fidel
  Fidel Castro moribondo?
  Pedro Argüelles Morán. León Profeta
  Gordiano Lupi. Fidel Castro in delicato stato di salute: non tornerŕ ad apparire in pubblico
  Fidel vota alle elezioni cubane
  Carlos Alberto Montaner. La nuova morte di Fidel Castro
  L'Avana. Fidel in pubblico
  Messaggi in bottiglia dall’isola dei non connessi
  Omar Santana. “Vado a tagliare la torta!”
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Materia da cartomanti
  Gordiano Lupi. Muore Juan Almeida. Fidel Castro č ancora piů solo
  Buon compleanno, Fidel!
  Fidel Castro non scrive e non parla
  Jardim. Halloween 2012
  Rafael Alcides. Teatro
  Omar Santana. Ottantotto
  Cuba. Riappare in pubblico Fidel Castro
  Orlando Luís Pardo Lazo. Non siamo niente
  Reinaldo Escobar. Il testamento politico di Fidel Castro
  Aspettando il 26 luglio. Parlerŕ Fidel o Raúl?
  Ad agosto in uscita un nuovo libro di Fidel Castro
  Miami. Feste per la morte di Castro?
  La morte di Oswaldo Payá č stata un delitto di Stato?
  Yoani a Miami-mon-amour
  Rosa Maria Payá e Orlando Luis Pardo Lazo in visita a Radio Tv Martě
  Rosa María Payá: «Cuba si dissangua con Obama che prende il volo dall’Avana»
  “Ci aspettano momenti difficili, ma il sistema non durerŕ ancora per molto”
  Rosa María Payá vola in Spagna e a Ginevra
  Vetrina/ Rosa María Payá Acevedo. Al padre
  Oswaldo Payá replica al cardinal Bertone
  Oswaldo Payá: “Nessuna apertura dal Congresso del PCC”
  Cuba. Repressioni contro “El Camino del Pueblo”
  Oswaldo Payá e Yoani Sánchez candidati al Nobel per la Pace
  Gordiano Lupi. Muore il dissidente cubano Oswaldo Payá
  Antonio Stango. La blogosfera libererŕ Cuba?
  Cuba. Il regime vuol presidiare le messe del Papa
  Oswaldo Payá. Adesso tocca al popolo
  Yoani Sánchez. I funerali di Payá tra arresti e sospetti
  “Somos Liberación”. Nasce la rivista del Movimento Cristiano di Liberazione
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Yoani Sánchez negli USA
  Yoani Sánchez incontra Rosa Díez, leader spagnola di Unione Progresso e Democrazia
  Andy Garcia: “Oswaldo Payá porta la fiaccola della libertŕ assoluta in un paese dove non esiste”
  Carlos Alberto Montaner. Appunti sul caso della morte di Oswaldo Payá
  Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  Rafael Rojas. Il falso dilemma della transizione cubana
  Pier Ferdinando Casini invita a Roma la vedova di Oswaldo Payá
  La veritŕ su Cuba
  Il cambiamento si chiama LIBERTŔ: a Cuba non č cambiato niente
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Un uomo di nome Payá
  Yoani Sánchez e la morte di Payá
  Oswaldo José Payá Sardińas ripropone il Progetto Varela
  Notizie da una Cuba in movimento
  Oswaldo Payá: “Siamo molto vicini alla veritŕ e alla liberazione”
  Carlos Amel Oliva: “Voglio dare la mia vita per una Cuba diversa”
  Gordiano Lupi. La Cuba quotidiana di Domenico Vecchioni
  Cuba. Sull'incidente che ha causato la morte di Payá e Cepero
  La Polizia cubana confisca la sede della rivista indipendente “Convivencia”
  Yoani Sánchez firma petizione per la democrazia a Cuba
  Gordiano Lupi. Musicisti uniti per la libertŕ di Cuba
  Oswaldo Payá, il Gandhi cubano
  Breve da Cuba sull'incidente a Oswaldo Payá
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  Cuba. A due anni dalla morte di Oswaldo Payá
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Farińas
  Dissidente cubano Antúnez ripudia riforme di Castro in una lettera di sfida
  Oswaldo Payá Sardińas denuncia una campagna repressiva contro i dissidenti
  Oswaldo Payá. Cronaca di un ricatto
  Cuba. In libertŕ alcuni prigionieri politici
  In memoria di Oswaldo Payá
  Oswaldo Payá Sardińas. Per la democrazia a Cuba
  L'Avana. Le Damas de Blanco sfilano lungo la 5Ş Avenida
  Gordiano Lupi. Un cubano ricorda Payŕ alle Olimpiadi?
  Il Partito Popolare Spagnolo sostiene la candidatura di Oswaldo Payá al Premio Nobel per la Pace
  Payá (dissidente cattolico), “Via l’embargo” esiste “alternativa pacifica”
  Il Papa a Cuba tra ipocrisia e repressione
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Yoani Sánchez: Il giro del mondo in 80 giorni
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy