Lunedì , 20 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Tre italiani nelle carceri cubane 
Forse sono innocenti ma nessuno ne parla…
17 Agosto 2012
 

A Cuba ci sono ancora tre italiani in carcere, condannati a lunghe pene detentive, dopo la morte di una baby prostituta al termine di un’orgia in una casa di Bayamo, piccolo centro nella zona orientale dell’isola. Nessuno fa niente per loro, forse non sono persone importanti, forse sono cittadini di serie B. Il Ministero degli Esteri - in tutt’altre faccende affaccendato - pare del tutto disinteressato a risolvere un problema grave per le famiglie dei cittadini coinvolti. La stampa non fa parola di un fatto orribile, che dal dicembre del 2011 vede i nostri concittadini reclusi nelle carceri cubane, costretti a scontare una pena a loro dire ingiusta.

Angelo Malavasi e Simone Pini, accusati di omicidio e corruzione di minori, sono stati condannati a 25 anni di galera, mentre Luigi Sartorio dovrà scontare 20 anni per il secondo capo di imputazione. Luigi Sartorio, dopo un lungo periodo in cui mostrava segni di squilibrio psico-fisico, disturbi segnalati senza esito al personale del carcere del Combinado del Este, si è visto diagnosticare un tumore al cervello ed è stato operato.

Pini e Sartorio hanno proclamato la loro innocenza rilasciando dichiarazioni ala stampa straniera. Pini sostiene (e può provare) che non si trovava a Cuba quando si è verificato il tragico evento.

I condannati cubani sono in prigione da oltre due anni, prima in alcuni penitenziari della provincia di Granma, quindi Sartorio e Malavasi sono stati fatti rientrare rispettivamente al Combinado del Este e La Condesa. Pini è ancora a Bayamo, nel carcere provinciale di Las Mangas. Il cadavere di Lilian Ramírez Espinosa, 12 anni, era stato rinvenuto il 19 maggio 2010 in un luogo difficilmente accessibile, coperto dalla vegetazione spinosa, nella campagna alla periferia di Bayamo. La minorenne era asmatica e pare che avesse preso parte a un convegno erotico, ma la morte è sopravvenuta per asfissia nel bagagliaio dell’auto, dove era stata nascosta prima di essere seppellita nei campi.

I familiari degli italiani assicurano che i condannati sono innocenti e che i veri assassini di Lilian Ramírez Espinosa sono ancora a piede libero. Accusano il Dipartimento Tecnico di Investigazioni di Bayamo di aver fatto un pessimo lavoro, di aver fabbricato prove e usato comportamenti minacciosi, inganni, pressioni psicologiche e persino di aver usato le maniere forti per ottenere confessioni. Gli italiani assicurano che non si trovavano a Cuba nel giorno in cui è morta la bambina e affermano che le autorità ignorano deliberatamente le prove portate a sostegno del fatto che erano in Italia.

La storia di questo orribile delitto non sembra finita. I nostri connazionali sono nelle mani di un sistema processuale che non garantisce la certezza del diritto e a questo punto si sentono anche un po’ abbandonati dalla giustizia italiana.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Alan Gross, lo sciopero della fame e gli italiani condannati per omicidio
  Cuba. Simone Pini “dall'inferno del Combinato del Est”
  Cuba. Tre italiani a giudizio per il delitto di Bayamo
  Gli italiani coinvolti nel delitto di Bayamo rischiano fino a 25 anni di galera
  Gordiano Lupi. Il caso degli italiani a Bayamo
  Italiani detenuti a Cuba. Interrogazione alla Farnesina dei senatori radicali
  Gordiano Lupi. Cuba. Giornalista spagnolo processato per corruzione di minori
  Cuba. Circolano in rete tre video sul delitto di Bayamo
  Garrincha e Alan Gross
  Tre italiani condannati a severe pene detentive per il caso della bambina morta a Bayamo
  Yoani Sánchez diffonde la denuncia di Simone Pini
  Cuba. I veri assassini di Bayamo sono ancora liberi
  Yoani Sánchez incontra in carcere un italiano accusato di omicidio
  Il delitto di Bayamo. “Il mio cliente è vittima di un grave errore giudiziario”
  Luigi Sartorio. Fatti la galera. (E taci)
  Gordiano Lupi. Luigi Sartorio, vittima della 'giustizia' cubana?
  Luigi Sartorio, in carcere in Italia come a Cuba. Da sette anni
  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 12 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy