Area Tematica Narrative photo
Autore Elisabetta Brizio
Titolo Karl Michelstädter - Utopia del libero mare
Descrizione Nella poesia di Karl Michelstädter la metafora assoluta del mare esprime l’aspirazione a varcare il deserto della vita (“lasciami andare oltre il deserto, al mare”), e della dimensione della “rettorica”, della “inadeguata affermazione d’individualità”, come egli in La persuasione e la rettorica definisce l’inautentica forma di esistenza, poliforme incarnazione del vuoto.
La metafora del mare nondimeno si complica nella michelstädteriana distinzione tra un “libero mare senza sponde”, pelagus substantiae infinitum, lontano da coste e da scogliere, un “mare dove l’onda non arriva”, luogo infinibile e irraggiungibile, oggetto di una tensione mai appagata, sostanziale e autosufficiente (“da sé genera il vento, / manda la luce e in seno la riprende”), e quello di cui facciamo esperienza, colmo esso stesso di deserto e difettivo di vita, oppresso da un vento che lo accomuna alla terra, quel mare “che non è mare s’anche è mare”, le cui onde si accavallano alla stessa maniera dei nostri desideri. Il “libero mare” si oppone sia al vivere obsolescendo del non persuaso che all’amour du mensonge della “rettorica”:

Onda per onda batte sullo scoglio
- passan le vele bianche all’orizzonte;
monta rimonta, or dolce or tempestosa
l’agitata marea senza riposo.
Ma onda e sole e vento e vele e scogli,
questa è la terra, quello l’orizzonte
del mar lontano, il mar senza confini.
Non è il libero mare senza sponde,
il mare dove l’onda non arriva,
il mare che da sé genera il vento,
manda la luce e in seno la riprende,
il mar che di sua vita mille vite
suscita e cresce in una sola vita.

(Karl Michelstädter, Onda per onda. A cura di Elisabetta Brizio)
Data 2009
 
Immagini FotoAlbum correlate

  Neal Cassady - Desolation angel 1
  Elisabetta Brizio - Neve per l’orto di Corazzini - Poesia e foto
  Jack Kerouac - Desolation angel 2
  Venezia
  Elisabetta Brizio - Mare di nebbia senza viandante
  Paesaggio invernale
  Il sonno di Ilaria
  Parvenze
  Ricordando Remo Pagnanelli
  La notte tra Michelangelo e Campana
  Giovanni Lindo Ferretti 3 - Potenza Picena (MC) III 2005
  Giovanni Lindo Ferretti 1 - S. Benedetto del Tronto.VII 2008
  Giovanni Lindo Ferretti 4 - Potenza Picena (MC) III 2005
  L'arcano dell'arca di ‘Ndrja Cambrìa - Stefano D'Arrigo
  L'immagine di me voglio che sia... - Gozzano
  Giovanni Lindo Ferretti - L'ora che il cielo s'indora
  Giovanni Lindo Ferretti 2 - Ancona. Giugno 2007
  “Complainte d’un certain dimanche”
  Ilaria del Carretto - Pier Paolo Pasolini
  Statua parlante di Roma - Corazzini romanesco
 
Articoli Tellusfolio correlati

  Elisabetta Brizio: Frontiera. Ricordando Vittorio Sereni. Foto della Domenica 4
  Giovanni Lindo Ferretti da "Cronaca settimanale" per l'anno scolastico 2010
  Elisabetta Brizio: La dichiarazione d’amore e morte di Hans Castorp
  Elisabetta Brizio: I Novissimi tra poetica e poesia
  M. Veronesi, E. Brizio. Su “Ipotesi di donna” di Patrizia Garofalo
  Elisabetta Brizio. Romanzo sul Serchio. "La morte del fiume" di Guglielmo Petroni
  Elisabetta Brizio: La poesia di Sergio Corazzini dagli esordi in romanesco a La morte di Tantalo. Esistenza, mistero, scrittura 1
  Elisabetta Brizio: “Sonetto nella neve” di Sergio Corazzini. Poesia e fotografia 1
  Elisabetta Brizio: Il ritorno di un viandante dello spirito. Ferretti Lindo Giovanni
  Elisabetta Brizio: Sulla "Trilogia" di Paolo Ruffilli, sulla lettura di Patrizia Garofalo
  Elisabetta Brizio: Esistenza, mistero, scrittura 2. Toblack e Spleen di Sergio Corazzini
  Sergio Corazzini: Per organo di Barberia. Parafrasi e commento.
  Claudio Di Scalzo: La maschera funebre di Sergio Corazzini
  Sergio Corazzini, Desolazione del povero poeta sentimentale
  I crepuscolari, profilo sintetico