Giovedì , 24 Maggio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Giachetti. Senza paracadute 
Lunedì 29 scade termine pre­sen­ta­zio­ne candidati di collegio e liste in quota proporzionale
(Marzo 2016, foto LaStampa.it)
(Marzo 2016, foto LaStampa.it) 
26 Gennaio 2018
 

Caro Matteo,

ho un pensiero che mi ronza in testa da giorni come una mosca fastidiosa che cerchi di cacciare via ma che poi si posa sempre in posti diversi e non ti molla finché non riesci a schiacciarla. Ecco, ho deciso. Mi libero di questo pensiero facendo quello che il cuore prima della mia testa mi chiedono. È la mia decisione: in fondo spetta innanzitutto a me.

In tutti i prospetti che girano sulle candidature c’è una casella sul proporzionale con un nome certo: Giachetti.

Sarei ipocrita se ti dicessi che la cosa non mi faccia piacere: penso che, in qualche modo, sia il riconoscimento di un impegno nel partito, e più in generale in politica, che mai mi era stato riconosciuto in passato. Di questo non posso che ringraziare, di cuore e con il cuore, sia te che hai creduto in me fin dall’inizio, quando davvero ci conoscevamo assai poco, che Paolo, che invece mi conosce da una vita e che per una vita mi ha sostenuto anche nelle mie battaglie a lui più estranee.

Bene: sento dentro di me che quella casella (il paracadute) mi sta troppo stretta. Non corrisponde alla mia storia, alla mia cultura, al mio sentire. Il Partito Democratico sta vivendo un momento difficile, e nella nostra difficoltà si riflettono tutti i pericoli per il nostro Paese. E Marco mi ha sempre detto che è nei momenti difficili che bisogna crederci, anche rischiando.

E allora no. Quel paracadute sarebbe per me un vestito sgualcito e stretto, un trapianto di pelle, un cibo avariato. Non lo voglio.

Conosco bene i tantissimi problemi che abbiamo nel cercare di trovare una quadra per garantire la presentazione di liste competitive in grado di tenere insieme la conferma di chi tanto si è impegnato in questi anni per dare impulso alla ripresa che si sta manifestando e la necessità di linfa nuova. So bene che la quadra sarà comunque dolorosa perché molti di coloro che meriterebbero di entrare o essere riconfermati non ce la faranno. So bene che questo quadro diventa ancora più complicato dovendo garantire il rispetto degli accordi con i partiti con i quali abbiamo stretto alleanza.

Allora penso che sia mio dovere fare l’unica cosa che potrebbe rappresentare un valore aggiunto per il centro sinistra e non la penalizzazione di un vero rinnovamento. Non voglio essere un tappo. Non sarò un tappo. Rinuncio al plurinominale. Rinuncio al paracadute.

Sono in Parlamento da 17 anni e, nonostante questo, ogni volta che varco l’Aula di Montecitorio mi emoziono come un bambino. Grazie a te ho avuto un regalo immenso: fare il Vicepresidente della Camera e, grazie a te, ho avuto un incommensurabile onore: essere candidato a Sindaco della mia città, la città che amo, Roma.

E ho capito che l’unico modo per corrispondere a questi due straordinari privilegi è quello di combattere per una battaglia che appare persa in partenza. Ma in politica non c’è nulla di perso, salvo ciò per cui non si crede e non si ha voglia di combattere. Allora, caro Matteo, e ti chiedo scusa se non ti ho avvisato prima (ma sai che la carne è debole e se ti avessi anticipato questa decisione probabilmente saresti riuscito a farmi desistere), ti chiedo di lasciarmi libero di giocarmela senza paracadute, senza reti di protezione, senza garanzie. Io e la mia città, io ed il territorio dove vivo da 50 anni, io ed il mio amore per la mia città e per la politica. Lo so: a guardare i risultati delle precedenti elezioni non ho molte chances. Il collegio 10 è di quelli persi. Ma io ci credo. Io amo la politica. È la mia vita. E so che questo amore e questa passione possono fare la differenza. So che faranno la differenza. Se vogliamo cambiare le cose dobbiamo metterci in gioco, dobbiamo osare, dobbiamo crederci. Io ci credo e so che ce la possiamo fare. Ce la faremo. Forza e coraggio!

 

Roberto Giachetti

(dal suo profilo fb, 26 gennaio 2018)


Articoli correlati

  Mellana. Pescatori
  Mellana. Esentasse
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  “Aree interne”. Il 15 gennaio importante appuntamento a Chiavenna
  Elezioni ed economia. A Bormio arriva Luigi Marattin
  «Stop oscuramento lista Potere al popolo!»
  Gianfranco Pasquino. Un’entrata a gamba tesa
  Primo Mastrantoni. Elezioni 2018: La trappola della “responsabilità”
  Giulia Crivellini. “Prova a immaginare la tua vita senza Europa...”
  Elezioni 2018. Fico e i privilegi che non ci sono
  Enea Sansi. +Europa: Emma Bonino centro del ‘nuovo’ Partito democratico
  +Europa con Emma Bonino Sondrio: Le candidature per la Camera dei deputati
  Mellana. Si sta come pesci nell'acqua
  Mellana. Veder le stelle
  Mellana. Pronostici per il 5 marzo
  “Italia Ripensaci: ratifica il bando ONU alle armi atomiche”
  Sondrio. Conferenza stampa presentazione candidati LeU
  Mellana. Pericolo estenuazione
  Mellana. Criptopolitica
  Lidia Menapace. Come e perché
  Sì all’intesa tra Pd e +Europa con Emma Bonino. Il confronto prosegue
  Mellana. Asteroidi
  Mellana. Politiche 2018
  +Europa. Depositiamo Piano Calenda-Bentivogli in allegato al nostro programma
  Sondrio e Morbegno. Elezioni: Per il Pd doppio appuntamento sabato 17 febbraio
  Per una reale democrazia in Tunisia
  Morbegno. La sinistra necessaria: valori antichi e persone giovani
  Lettera di un ex elettore deluso del PD
  Vincenzo Donvito. Imposta/canone Rai: Verso l’abolizione... elettorale?
  Roberto Giachetti: «Ho votato sì a responsabilità civile magistrati»
  Rita Bernardini. A Regina Coeli con Marco Pannella e Roberto Giachetti
  Roberto Giachetti. “Caro Renzi, legalizzare la cannabis si può”
  Claudia Osmetti, Domenico Letizia. Doveri di Libertà
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.6%
NO
 27.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy