Giovedì , 23 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Genova, Multedo: fiaccole di rifiuto, fiaccole di accoglienza 
di Roberto Malini
15 Ottobre 2017
 

Il 17 ottobre è la Giornata Mondiale per l’eliminazione della povertà. Ogni anno in quella data il Consiglio d’Europa celebra una cerimonia a Strasburgo, sulla piazza del Palais de l’Europe, davanti alla riproduzione della pietra commemorativa, simbolo del rifiuto della povertà. Contemporaneamente, gli stati membri dell’Unioine sono invitati a lavorare per l’accoglienza, la solidarietà e la lotta contro l’indigenza e l’emarginazione.

A Multedo, quartiere del ponente genovese, un gruppo di cittadini ha scelto proprio quella data per scendere in piazza e manifestare, con una fiaccolata, contro gli stessi valori che la Giornata internazionale per l’eliminazione della povertà promuove. È un segnale di disagio, ma anche di come l’intolleranza si affermi ormai anche presso le comunità operaie, che fino a qualche anno fa si sentivano unite ai poveri, ai senzatetto, ai profughi. Così, scandendo slogan che si pongono in antitesi ai principali valori civili, una parte di Multedo cercherà di opporsi all’arrivo dei giovani profughi che la prefettura ha assegnato al quartiere, dove abiteranno presso l’ex asilo Govone e passeranno le giornate a studiare presso il Campus di Coronata: lingua italiana, scienze e cultura generale, discipline professionali dall’agraria alla falegnameria, dall’idraulica all’informatica. È quel comparto della cittadinanza che non si è ancora liberato dalle paure irrazionali e continua a temere l’arrivo dei giovani migranti come se si trattasse di un’invasione barbarica e non di un’opportunità per crescere in pace tutti insieme.

La fiaccolata è stata indetta per martedì 17 ottobre alle 19:30. Sarà un evento pacifico e limitato, ma crediamo che un giorno il quartiere proverà una certa vergogna, ripensando a quelle fiaccole innalzate verso il cielo non con un significato di fratellanza, ma di fobìa. Nella cultura e nelle tradizioni umane, la fiaccola è simbolo di amicizia, solidarietà e unione. Portando loro la fiaccola, Prometeo fece agli esseri umani il dono del fuoco, principio di civiltà. La fiaccola era anche simbolo di un momento di pace fra i popoli, quando nell’antica Grecia iniziavano le Olimpiadi e le armi venivano – almeno temporaneamente – riposte. Fra i simboli più moderni, la Statua della Libertà rappresenta la fiamma della civiltà che non deve mai spegnersi. Sul piedistallo del monumento è inciso un sonetto della poetessa Emma Lazarus, che recita fra l’altro: “Mandatemi loro, i senzatetto, gli scossi dalle tempeste e io solleverò la mia fiaccola accanto alla porta dorata”. Fiaccola uguale solidarietà: questo è il linguaggio dei simboli.

Ecco perché fa bene al cuore rivedere le immagini di un’altra fiaccolata, svoltasi martedì 6 dicembre 2016 a Trento: una manifestazione spontanea della gente a favore di un Trentino solidale e accogliente con migranti e profughi.

 

 


 



Nella foto, da sinistra, operatori umanitari di EveryOne Group – che fa parte del Comitato accoglienza migranti Multedo e del Comitato GenovaSolidale – insieme a don Giacomo Martino, direttore dell’ufficio Migrantes, che cura con altre realtà sociali il progetto di accoglienza: Daniela Malini, don Giacomo Martino, Steed Gamero, Roberto Malini, Fabio Patronelli, Dario Picciau.


Articoli correlati

  Carlo Forin. Lodo Minniti
  È arrivato un barcone carico di…
  Roberto Malini. La repressione delle minoranze arriva in punta di piedi
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Migranti: Al via campagna #EroStraniero
  Malala a Trump: “Non voltare le spalle ai bambini indifesi”
  Enrico Bernardini. Genova: Migranti, tra realtà e luoghi comuni
  Incontro con Emma Bonino e i Sindaci per vincere la sfida dell'immigrazione
  Sandrine Bakayoko
  Genova Solidale / EveryOne Group. Migranti a Multedo, minacce a don Martino da parte degli intolleranti
  Migranti. Bonino lancia proposta legge popolare per superare Bossi-Fini
  “Migranti tra realtà e luoghi comuni”
  Roberto Malini. Negli abissi del Mediterraneo
  Radicali. Immigrazione: “No crociate demagogiche”
  Manconi: «Non ho votato il decreto migranti: è una norma etnica»
  Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme
  Sandra Chistolini. La nuova legge guarda ai minori stranieri non accompagnati in sosta per l’affido accelerato
  Barcellona. Enorme ma­ni­fe­sta­zio­ne per l’accoglienza
  Vetrina/ Roberto Malini. Il patto di Malta
  Milano. “Insieme senza muri”
  Migranti a Multedo. Esposto alla Prefettura
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Stefano Catone. Che fine hanno fatto i deputati che nel 2013 votarono contro i CIE?
  Bormio. Accoglienza migranti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy